adv

Nati prima della nascita di Cristo, diventarono genitori in età molto avanzata

Il loro figlio Giovanni, nato circa sei mesi prima di Gesù, sarà detto “il Precursore del Messia”. Zaccaria svolge il proprio servizio al tempio ed Elisabetta è la cugina di Maria Vergine.

Dopo l’evento straordinario, i due coniugi scompaiono nell’ombra. Non si hanno notizie circa la morte d’Elisabetta. A proposito di Zaccaria, una fonte del III secolo ne ricorda la morte avvenuta nel tempio di Gerusalemme.

Venerati come santi già in epoca antica, i genitori di San Giovanni Battista sono noti perché la loro storia è narrata all’inizio del vangelo di Luca. Zaccaria riceve l’annuncio dall’Arcangelo Gabriele che sarebbe divenuto padre, ancorché in età avanzata.

Elisabetta, una volta concepito il figlio, ricevendo la visita di Maria, che portava in grembo Gesù, pronuncia le celebri parole che ancor oggi recitiamo nell’Ave Maria: “Tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno”.

Alla nascita di Giovanni, Zaccaria scioglie a Dio il suo celebre cantico di ringraziamento, il “Benedictus”, che a ragione è definito l’ultima profezia dell’Antico Testamento e la prima del Nuovo.

 

A Napoli si dice: “D’ ‘o muorto e d’ ‘a sposa se parla pe’ otto juòrne”.
Del morto e della sposa se ne parla per otto giorni.

 

Riflessione del giorno:

Fissa il tuo cane negli occhi e prova ancora ad affermare che gli animali non hanno un’anima.
(Victor Hugo)

 

Casimiro Todicchio