adv

Ornella Muti, la bella attrice romana, è stata condannata a sei mesi di reclusione per tentata truffa ai danni del Teatro Verdi di Pordenone

Ornella Muti, pseudonimo di Francesca Romana Rivelli, attrice romana classe 1955 è stata condannata dalla Cassazione a 6 mesi di reclusione e al pagamento di una multa di €500 per tentata truffa aggravata e falsa testimonianza.

Ornella Muti: la condanna in Cassazione

I fatti riportano che la Muti ha annullato uno spettacolo al Teatro Verdi di Pordenone dandosi per malata, mentre in realtà era ad una cena di gala in Russia con Vladimir Putin e Kevin Costner.

L’attrice aveva giustificato la sua assenza allo spettacolo in programma al Teatro Verdi presentando un certificato medico in cui si attestava una laringo-tracheite acuta con febbre, tosse e raucedine, con la prescrizione sanitaria di non poter usare la voce e la raccomandazione di riposo assoluto per almeno 5 giorni.

Ornella Muti: a quando risalgono i fatti…

I fatti risalgono al dicembre 2010, ma il verdetto della Corte Suprema ha convalidato solo oggi la decisione già presa dalla Corte di Appello di Trieste il 6 luglio 2017: l’attrice è colpevole.

Durante la vicenda il PG della Cassazione Pietro Molino aveva ritenuto inammissibile il ricorso della difesa della Muti, chiedendo ai Supremi Giudici della Seconda sezione penale della Suprema Corte di ritenere l’attrice romana colpevole dell’ accaduto.

L’eventuale sospensione condizionale della pena è soggetta al pagamento di circa €30mila destinati al Teatro Verdi, ritenuto vittima del comportamento inappropriato dell’attrice.

La condanna in primo grado era stata già sancita dal Tribunale di Pordenone il 24 febbraio 2015 in cui Ornella Muti era stata condannata a 8 mesi di reclusione e €600 di multa, oltre alla provvisionale sopracitata.

A distanza di più di 4 anni la Muti è stata condannata a 6 mesi di reclusione e al pagamento della multa di €500.

Sarnataro Carla, nata a Villaricca il 21 giugno del 1993, ha conseguito il diploma nel 2012 presso il Liceo scientifico A.M. De Carlo a Giugliano, mentre la Laurea Triennale in Scienze e Tecniche psicologiche nel 2015. A luglio 2018 ha conseguito la Laurea Magistrale con lode in Psicologia Clinica e di Comunità presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. La scrittura è una passione recondita che pian piano sta fiorendo attraverso diversi sbocchi; la lettura l’accompagna sin da piccola insieme ad altre passioni artistiche come la pittura e il disegno.