Per il giorno del compleanno del Pontefice Francesco I, 17 dicembre 2018, vogliamo analizzare il suo rapporto con i social media
Per il giorno del compleanno del Pontefice Francesco I, 17 dicembre 2018, vogliamo analizzare il suo rapporto con i social media
adv

Per il giorno del compleanno del Pontefice Francesco I, 17 dicembre 2018, vogliamo analizzare il suo rapporto con i social media

Francesco I, al secolo Jorge Mario Bergoglio, è il 226° Pontefice della Chiesa Cattolica Romana. Primo argentino e latinoamericano ad assurgere al soglio pontificio, precedentemente è stato chierico regolare della prestigiosa Compagnia di Gesù, Vescovo di Buenos Aires e Cardinale del titolo di San Roberto Bellarmino. E’ nato a Buenos Aire il 17 dicembre del 1936, oggi dunque compie 82 anni.

I social e Papa Francesco

Fin dall’inizio del suo Pontificato, Bergoglio si è dimostrato molto a suo agio con l’utilizzo dei social media. Un sapiente impiego di strumenti di comunicazione atti a rafforzare il legame tra il Santo Padre e i fedeli cattolici di tutto il mondo.

La peculiarità consiste, appunto, nel messaggio ecumenico e trasversale che il Papa ha attribuito al social media. Forse veramente per la prima volta nella Storia della Chiesa stiamo assistendo all’abbattimento delle diverse barriere che fino ad ora avevano caratterizzato il legame tra il Vicario di Cristo in Terra e il suo gregge.

I suoi messaggi sono tradotti all’istante nelle principali lingue del mondo, leggono le sue parole e osservano le sue azioni (tramite i moderni mezzi di comunicazione) giovani e anziani, uomini e donne, ricchi e poveri. Mai come ora possiamo dire che la Voce del Pontefice si è fatta veramente Universale, anche grazie a internet.

Indagine Gallup 2015

Già in un’indagine compiuta in un arco di tre mesi, tra il settembre e il dicembre 2015, dall’agenzia demoscopica statunitense Gallup Francesco I è risultato essere la personalità mondiale più influente a livello globale.

Figura ammirata non soltanto dal mondo cattolico, ma a carattere fortemente trasversale e intergenerazionale. Se l’attuale Pontefice è risultato essere fortemente stimato dall’85% dei cattolici intervistati, è risultato essere ben visto anche dal 49% degli ortodossi e dal 53% degli afferenti alle diverse confessioni protestanti.

Dati che nel tempo non sono che cresciuti, soprattutto tra i non cattolici e gli agnostici e gli atei.

In successivi articoli analizzeremo più nel dettaglio il pensiero del Papa sui social media.

Avatar
Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.