Pc Classic, la retrogaming-mania contagia MS-DOS
adv

Dopo NES, SNES, Mega Drive, Neo Geo e PlayStation arriva in formato mini anche il PC: si chiamerà PC Classic ed emulerà i giochi per MS-DOS

 

Ne abbiamo parlato di recente, all’uscita di PlayStation Classic: la mania per il retrogaming sembra continuare a dilagare senza freni. Ciò che, fino a poco tempo fa, era un fenomeno di nicchia relegato ai semplici emulatori da utilizzare su PC o smartphone sembra ora essere diventato moda a tutti gli effetti, per la gioia di quelle grandi case che potranno guadagnare una seconda volta sulle loro vecchie glorie. PC Classic è, per il momento, l’ultimo arrivato a questa grande festa nostalgica.

Sulla scia di Nintendo

Fu Nintendo a fare da apripista, mettendo sul mercato la miniatura dello storico Nintendo Entertainment System (NES, per gli amici). Operazione di grande successo, così come tutte quelle che a ruota emularono l’idea della Grande N. Ad aggregarsi per ultima, al momento, è Unit-e con questa riduzione in scala di quello che è a tutti gli effetti il case di un vecchio PC anni ’90. Si chiamerà PC Classic ed emulerà i vecchi giochi per MS-DOS. Non si sa ancora molto sul suo conto, se non che è stato finanziato tramite una campagna di crowdfunding, che supporterà mouse e tastiera ma conterrà, probabilmente, anche un joystick, sarà dotato di alimentazione USB e verrà distribuito in quel colore grigio sporco tipico dei PC dell’ultimo decennio del 900. Tutto molto bello, ma i giochi?

PC Classic, ipotesi sul repertorio

Nessuna notizia ufficiale è ancora trapelata sul contenuto di PC Classic, se non che dovrebbe contenere, in linea con la concorrenza, una trentina di vecchi giochi, tutti ovviamente con licenza ufficiale. Non resta, dunque, che volare con la fantasia e fare qualche ipotesi su quali giochi meriterebbero un posto in questo revival. I concorrenti meritevoli non sono pochi: da Doom a Quake, passando per gestionali e strategici storici come i primi capitoli di Simcity e Sid Meier’s Civilization, senza dimenticare le celebri avventure grafiche della LucasArts. Il materiale, dunque, non manca: non resta che sperare che venga sfruttato a dovere.

Avatar
Nato a Napoli il 29/06/1993, la passione per la scrittura e per la tecnologia crescono in lui quasi pari passo: questa duplice natura lo porta a frequentare la facoltà di Ingegneria Chimica e contestualmente a coltivare le proprie velleità di scrittore. Comincia a collaborare con PSB nel giugno 2018, sperando di trovare in quest’esperienza il perfetto connubio di questi due animi.