Permesso premio a Killer
Il Ministro della Giustizia Bonafede
adv

Continuano le polemiche sul permesso premio a killer. Dopo gli sfoghi della figlia e della moglie del vigilantes, arriva l’intervento del Ministro Bonafede

Ieri vi avevamo parlato del clamoroso caso del permesso premio a killer che aveva ucciso, nel marzo 2018, il vigilantes Franco Della Corte fuori la stazione della metropolitana di Piscinola, Napoli, mentre stava lavorando e facendo gli ultimi controlli di routine. Dopo lo sfogo della figlia, sono arrivate le prime conseguenze: il Ministro Bonafede ha incaricato gli ispettori di fare luce sul caso.

L’intervento del Ministro della Giustizia Bonafede

Il Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, dopo il clamore che hanno suscitato le immagini del killer che festeggiava il compleanno come se nulla fosse accaduto, ha affidato l’incarico agli ispettori di compiere tutti gli accertamenti sul caso “volti a valutare la correttezza della procedura ed eventuali condotte disciplinarmente rilevanti”.

Permesso premio a killer: la rabbia della vedova

Oltre alla rabbia della figlia di Franco Della Corte, di cui vi avevamo raccontato ieri, da segnalare anche lo sfogo della vedova raccolte da ANSA: “È disgustoso. Mi rivolgo a chi ha concesso quel permesso: io, che ho perso mio marito, devo piangere, loro, invece, che me l’hanno ucciso, stanno ridendo. Hanno affrontato un processo per omicidio senza versare una lacrima mi guardavano negli occhi senza mostrare un minimo pentimento. Sono senza cuore. È passato un anno e non hanno ancora capito la gravità del gesto che hanno commesso. Nelle foto pubblicate lui e i suoi amici ridono e si divertono e, a distanza di appena sette mesi dalla condanna è stato consentito tutto questo”.

A sostegno della famiglia è intervenuto anche il capo della polizia Franco Gabrieli: “Si fanno leggi in continuazione che poi alla fine non producono gli effetti, c’è la necessità di una rivisitazione complessiva”.

Avatar
Nato a Napoli nel 1983, Francesco De Fazio consegue, con lode, la laurea magistrale nel 2012 in “Comunicazione pubblica e d’impresa” presso l'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e nel 2013, presso lo stesso ateneo, si specializza come “Esperto nell’orientamento scolastico, universitario e professionale”. Nel 2011 ha svolto un tirocinio presso l’Ufficio stampa del Provveditorato alla Opere Pubbliche Campania e Molise, ma la passione del giornalismo continua nel corso degli anni continuando a scrivere per vari giornali online. L’esperienza più significata inizia nel giugno 2012 dove lavora presso il Servizio di Orientamento e Tutorato del Suor Orsola Benincasa. In qualità di Consulente all’Orientamento ha svolto attività di: consulenza e colloqui di orientamento didattico e professionale, promozione di Ateneo, gestione social network, tutor d’aula.