Porsche 911: un tuffo nel passato per arrivare al futuro
adv

55 anni fa debuttava la mitica Porsche 911. Ricordiamola in attesa della prossima generazione “992”

27 novembre 2018, ecco la data in cui verrà presentata in anteprima mondiale l’ottava generazione della Porsche 911: la serie 992.
Los Angeles sarà la città nel quale si terrà l’evento, a 55 anni dal debutto del primo modello.
A quanto pare la nuova autovettura avrà una linea con fiancate muscolose, decise e un cofano squadrato (come i classici modelli della Porsche 911): l’inconfondibile stile Porsche, marchio leader nel settore.
I fari posteriori sono uniti da una sottile striscia a led: un chiaro riferimento alle 911 degli anni 70 e 80.
L’alettone estraibile e i materiali in lega d’alluminio conferiscono aerodinamicità e un peso ridotto al veicolo.
La serie 992 entrerà sul mercato, al momento del lancio, in versione “Carrera S” con un motore 3.0 bi-turbo da 450 cavalli, mentre “solo” 385 per la Carrera.
Entrambe avranno un nuovo cambio: a doppia frizione (o “PDK”) a 8 rapporti.

Una gloriosa storia iniziata negli anni 60

12 settembre 1963: al Salone Internazionale dell’Automobile di Francoforte viene presentata l’automobile che avrebbe preso il posto della Porsche 356, la Porsche 911 approda ufficialmente sul mercato (originariamente il modello venne chiamato “901”).
6 Cilindri disposti a 180 gradi (come nel motore della Boxer), raffreddamento ad aria e 130 CV componevano il motore.
Questa configurazione prevedeva un movimento opposto dei pistoni che non emettevano vibrazioni; tutti elementi innovativi e vantaggiosi che assicuravano un baricentro basso e un peso ridotto dell’autovettura.
Al momento del lancio uscirono vari restyling come la “911 Targa”, decappottabile: l’autoveicolo della casa di Stoccarda divenne un vero e proprio marchio a sé stante.
Piccola curiosità: la nomenclatura “Targa” proviene dalla famosissima Targa Florio, una gara di corse automobilistiche con sede in Sicilia; nella quale Porsche aveva già vinto ben quattro edizioni.

Porsche: sportività, eleganza e fama

Nel 1967 debuttano altri due modelli: la 911 T e la 911 E, versioni introdotte per rispettare le normative sull’inquinamento; nel frattempo, entra sul mercato anche la 911 S.
Dal 1970 al 72 i motori passano da una potenza da 2.0 a ben 2.4 di cilindrata, la S raggiungeva addirittura i 190 CV.
Porsche è anche “sinonimo” di sportività: la 911 Carrera RS, rappresentando il primo grande prodotto in questa categoria, ha un motore a 6 cilindri con una cilindrata 2.7 e 210 cavalli.
Con un peso di “appena” 1000 kg, la versione RS aveva un grande alettone posteriore e raggiungeva i 245 km/h, vennero venduti 1525 esemplari.
Ora non ci resta che aspettare la versione “992” che sicuramente non tradirà le attese: “un tuffo nel passato, per arrivare al futuro“.