Presidente De Luca
Fonte: unsplash
adv

A seguito dell’incremento dei contagi per Coronavirus, a causa degli spostamenti all’interno del paese e al di fuori dei confini, il Presidente della Campania Vincenzo De Luca sta decidendo per la limitazione della mobilità all’interno della Regione Campania per arginare i contagi che nelle ultime ore sono risultati in netta risalita.

Secondo quanto dichiarato dal Presidente De Luca, durante una diretta Facebook: “A fine Agosto vedremo se chiedere o no al governo di ripristinare la limitazione della mobilità intra-regionale. Lo decideremo tra 15 giorni con grande determinazione, salvo i casi di motivi di lavoro o di salute. Ci regoleremo anche sui contagi nel resto d’Italia”. Durante la stessa diretta il Presidente De Luca ha anche dichiarato i 68 nuovi positivi registrati nella giornata del 20 Agosto.

L’opposizione del Presidente Stefano Caldoro

Il candidato Presidente del centrodestra in Campania Stefano Caldoro si è schierato in netta opposizione riguardo alla volontà, esposta durante la diretta Facebook svoltasi la sera del 21 Agosto, del Presidente De Luca di limitare la regione Campania agli spostamenti.

L’ex governatore campano Stefano Caldoro non ha solo criticato le volontà di chiusura di De Luca, ma ha mosso anche delle accuse alla stabilità fisico-psicologica dello stesso Presidente: “De Luca vuole chiudere la Campania? Sarebbe meglio ‘chiudere’ De Luca, che prima non fa i tamponi a chi arriva a Capodichino e poi minaccia di isolare la Regione”; continuando: “È in evidente stato confusionale, ora sparge paura e diffonde allarmismo per fini elettorali, mentre fino a ieri non ha fatto alcuna prevenzione. In tal modo mette in pericolo la salute dei cittadini e l’economia regionale. Va rimosso il prima possibile” per poi concludere: “Il pericolo maggiore è lui”.

Tamponi all’aeroporto di Napoli

Da oggi 22 Agosto sono partiti nell’aeroporto di Napoli-Capodichino i controlli, attraverso tampone naso-faringeo, a tutti i passeggeri provenienti dall’estero, in particolar modo dalla Croazia, Grecia, Malta e Spagna.

I primi a essere stati sottoposti a questo tipo di controllo in aeroporto sono stati alcuni passeggeri, napoletani e abbastanza giovani, provenienti da Mykonos, per poi passare ai passeggeri provenienti dal volo partito da Barcellona e a coloro che sono atterrati a Napoli con un volo partito da Malta.

All’aeroporto Napoli-Capodichino sono state attrezzate due postazioni: la prima in prossimità del varco “Arrivi” e la seconda al “Terminal B”.

Il personale medico impegnato nell’attività è il personale sanitario di tutte le ASL della Campania con il supporto dei volontari della Protezione Civile, del 118 e della Croce Rossa Italiana. All’esterno dell’aeroporto Napoli-Capodichino è stata posizionata una pattuglia degli agenti della Polizia di Stato.

I passeggeri che hanno deciso di sottoporsi al controllo hanno prima compilato una scheda con i dati anagrafici e i relativi dati del soggiorno all’estero, poi hanno effettuato il tampone raggiunte le due postazioni, cui risultato sarà comunicato agli interessati in massimo 48 ore. Nell’attesa dell’esito i passeggeri andranno in isolamento fiduciario, così come previsto dall’ordinanza del Presidente Vincenzo de Luca. La quarantena sarà interrotta solamente dopo la comunicazione dell’esito negativo del tampone.

All’aeroporto di Napoli-Capodichino sono attesi oggi 14 aerei giornalieri con a bordo circa 110 viaggiatori per aereo e provenienti dai quattro paesi esteri con maggiore indice di contagiosità.

Tra tutti i viaggiatori che hanno deciso di sottoporsi al tampone è pervenuta anche una coppia spagnola di una trentina d’anni, che in pochissimo tempo ha terminato tutte le procedure.

Le operazioni stanno fluendo con regolarità e tempi di attesa sono risultati molto contenuti.

Effettuati 3475 tamponi, 3 guariti e nessun decesso

Dati resi noti dall’unità di crisi regionale per la realizzazione di misure preventive per la gestione dell’emergenza sanitaria da COVID-19.

Da marzo 2020 i positivi in Campania sono 5.523 e i tamponi analizzati nei vari centri della Campania sono più di 375.083.

Nella giornata di ieri 21 agosto 2020 in Campania sono tre i pazienti guariti e non si è registrato nessun decesso.

Il totale dei guariti in Campania da Marzo 2020 a ieri 21 agosto 2020 è giunto complessivamente a 4.348 pazienti, di cui 4.338 completamente guariti e 10 clinicamente guariti.

Si attestano come pazienti clinicamente guariti tutti coloro divenuti asintomatici ma ancora in attesa dei secondi tamponi che ne comprovino la completa guarigione.