Primo Maggio
Il quarto stato è un dipinto a olio su tela del pittore italiano Giuseppe Pellizza da Volpedo.
adv

Perché festeggiamo il Primo Maggio? Il significato di questa ricorrenza parte da molto lontano e trae origine dalla protesta degli operai americani

La Festa dei Lavoratori viene celebrata il Primo Maggio, in Italia e in molti paesi del mondo, per ricordare le lotte degli operai per il conseguimento di maggiori diritti e, in particolar modo, della riduzione della giornata lavorativa.

Ogni anno, per ricordare questo giorno, vengono organizzati eventi, marce e innumerevoli concerti.

Ma sappiamo veramente tutto di questo giorno? O ce lo ricordiamo soltanto per festeggiare senza conoscerne le origini?

Primo Maggio: le origini americane

La festa ricorda le battaglie operaie volte alla conquista di un diritto ben preciso: la riduzione dell’orario del lavoro quotidiano.

Durante la Seconda Rivoluzione Industriale, negli Stati Uniti, si tennero numerose manifestazioni per i diritti e la sicurezza degli operai nelle fabbriche e che portarono, dopo alcuni anni, alla prima legge sulle otto ore lavorative giornaliere.

Tale legge, approvata a Chicago nell’Illinois, entrò in vigore il Primo Maggio del 1867 accompagnata da una massiccia manifestazione dei lavoratori, ma tale legge non ebbe subito grande diffusione nel resto degli Stati Uniti.

L’episodio che diede impulso a questa giornata fu la Rivolta di Haymarket.

Rivolta di Haymarket

Il 1° maggio 1886, in occasione del 19° anniversario dell’entrata in vigore della legge dell’Illinois sulle otto ore lavorative, a Chicago si tenne un raduno di lavoratori ed attivisti anarchici in supporto agli operai in sciopero negli altri Stati.

Questa manifestazione, però, si trasformò in tragedia. Uno sconosciuto lanciò una bomba su un gruppo di agenti di polizia uccidendone alcuni. Negli incidenti che seguirono perirono, oltre ad altri poliziotti, anche molti civili.

L’arresto di diversi anarchici, nel processo del 1887, portò alla loro condanna a morte.

Primo Maggio in Europa

I delegati socialisti della Seconda Internazionale riuniti a Parigi ufficializzarono la festività nel 1889. La scelta europea è, ovviamente, simbolica per gli avvenimenti accaduti a Chicago qualche anno prima.

Una grande manifestazione sarà organizzata per una data stabilita, in modo che simultaneamente in tutti i paesi e in tutte le città, nello stesso giorno, i lavoratori chiederanno alle pubbliche autorità di ridurre per legge la giornata lavorativa a otto ore e di mandare ad effetto le altre risoluzioni del Congresso di Parigi”.

Primo Maggio
Tante le manifestazioni, anche di protesta, si verificano il Primo Maggio

La Festa dei Lavoratori in Italia

L’Italia ratificò la Festa dei Lavoratori solo nel 1891.

A partire 1924, durante il periodo fascista, la celebrazione fu spostata al 21 aprile in concomitanza con il Natale di Roma divenendo festività ufficiale.

Fu solo dopo la Seconda guerra mondiale, nel 1945, che la festa tornò al Primo Maggio.

Un evento drammatico da ricordare in questo giorno avvenne a Portella della Ginestra, in provincia di Palermo, dove Salvatore Giuliano con i suoi uomini compì un eccidio contro i manifestanti riunitesi per quel giorno.

Dal 1990, inoltre, questo giorno coincide anche con un evento piacevole: il Concertone del Primo Maggio. L’evento, organizzato dalle sigle sindacali CGIL, CISL e UIL, richiama ogni anno migliaia di giovani a Roma.