Sicurezza a rischio con Android
adv

Proteggere i propri dati sui dispositivi Android è possibile, basta tenere presente pochi trucchi molto utili

Capita spesso di lasciare il telefono incustodito oppure di navigare su siti poco raccomandabili e questo può mettere a rischio la sicurezza dei nostri dati personali contenuti sullo smartphone.

Esistono rapidi e semplici trucchi molto utili per proteggere la nostra privacy, attivabili con pochi click dal cellulare.

Utilizzare un Blocco Schermo efficace

Come primo provvedimento da prendere in considerazione vi è l’utilizzo di un blocco schermo efficace, ma soprattutto sicuro creando password complesse attraverso l’utilizzo di lettere e numeri. A primo impatto sembrerebbe una cosa scontata e risaputa, ma questo semplice trucchetto rende il cellulare difficilmente accessibile, grazie alla tecnologia Smart Lock presente già sugli smartphone Android Lollipop. Un’altra possibilità, al di là dello Smart Lock, è il Face Unlock di cui sono dotati la maggior parte dei telefoni di ultima generazione, attraverso il quale è possibile sbloccare il cellulare con il riconoscimento facciale.

Disattivare la posizione

Nascondere la propria posizione, disattivando il GPS, è una soluzione molto valida se non vogliamo rendere pubblici i nostri spostamenti. Purtroppo, però, molte delle App presenti sui cellulari ne richiedono l’attivazione per rilevare la nostra posizione e questo potrebbe compromettere la sicurezza dei dati personali.

Se non ci si sente ancora al sicuro semplicemente disattivando la localizzazione, esistono altre applicazioni come Spoofer Free, Fake GPS o Fake Location che permettono di impostare una posizione fasulla.

Impostare Google Alert secondo indicazioni personali

Una soluzione poco conosciuta e adoperata è il sistema di Google Alert che consente di ricevere email di notifica su argomenti specifici scelti dall’utente utilizzando delle parole chiave ed individua se applicazioni come Facebook sono state hackerate.

Una volta entrati nelle impostazioni di Google Alert, bisogna inserire una parola chiave in base all’argomento scelto, indicarne le fonti, la lingua, l’indirizzo email su cui le si vuole ricevere e la frequenza delle notizie. Questa funzione è molto utile per scoprire se i dati personali sono stati hackerati e pubblicati in rete.

Accertarsi che un sito web o un App siano autentici

Prima di scaricare qualunque applicazione o iscriversi ad un sito bisogna controllare che il copyright della pagina sia aggiornato, che i link riportati nella pagina siano funzionanti e attuali ed infine che il sito sia certificato.

Molto importante è leggere le condizioni e i termini di utilizzo, inoltre è consigliabile prestare molta attenzione a non essere reindirizzati su altre pagine mentre si sta navigando sul sito.

Più o meno le stesse regole valgono anche per le App e proprio dalla versione di Android Marshmallow la sicurezza relativa ai permessi e alle autorizzazioni delle App è stata intensificata, in modo che l’utente possa scegliere le funzioni specifiche da utilizzare con l’App stessa.

Evitare di connettersi a reti Wi-Fi pubbliche

Le reti pubbliche aperte, che si trovano in locali o nei centri delle città più importanti, non sempre sono sicure, poiché non essendoci garanzie di protezione con filtri giusti è facile cadere nella rete di qualche hacker.

Per evitare che questo accada è possibile utilizzare un VPN che riesca a crittografare le comunicazioni fatte tramite internet, in modo da proteggersi maggiormente da un qualunque hacker ficcanaso.

Disconnettere account Facebook, Twitter, Instagram…

Un’altra soluzione spesso ignorata è il logout dalle applicazioni social, soprattutto se si utilizza una rete pubblica come quella dell’università o di un centro commerciale.

Disconnettere l’account evita il rischio di rendere pubblici i nostri dati, perché non è così difficile come sembra accedere all’account di qualunque utente e sfruttare i suoi dati personali, proprio grazie all’utilizzo di una rete aperta a tutti.

Modificare le impostazioni di Google

È buona norma cancellare la cronologia della navigazione sul web in modo da evitare che gli spammer possano risalire alle informazioni personali delle ricerche online, inoltre eliminare anche i cookies è utile a non avere fastidi durante la navigazione sui siti di shopping.

Cancellare la cronologia da Android è molto semplice, basta andare nelle impostazioni del browser generalmente situate in alto a destra, cliccare sulla voce “cronologia” e selezionare i contenuti che si desidera eliminare.

Oltre a questa accortezza, è possibile migliorare la protezione della privacy durante la navigazione sempre attraverso le impostazioni di Google, accedendo alla voce “privacy” a metà dell’elenco. Una volta entrati basta attivare due delle opzioni previste: la prima è la “navigazione sicura” che protegge la navigazione sui siti sconosciuti o poco sicuri che potrebbero infettare il sistema con virus o malware. La seconda opzione da spuntare è “non tenere traccia”, la quale riduce la possibilità di tracciare la navigazione web precedente o in corso.

Nascondere l’indirizzo IP

È importante nascondere il proprio indirizzo IP di navigazione per non essere rintracciati o riconosciuti da siti web indesiderati. L’operazione è facilmente applicabile attraverso delle App come TunnelBear VPN oppure utilizzando dei servizi dedicati come HideMyAss.com e Tor.

In questo modo si evita di essere localizzati e rintracciati dopo aver visitato qualunque sito web, soprattutto nel caso in cui si fanno acquisti su siti inconsueti. A tal proposito non è consigliabile su questi siti effettuare pagamenti con la propria carta di credito, bensì preferire il pagamento in contrassegno o attivare un account Paypal per evitare di essere truffati.

Questi sono solo alcuni dei consigli utili per evitare di essere hackerati, truffati o rintracciati in qualche maniera, d’altro canto si sa che Internet non è un luogo sicuro dove ci si può concedere il lusso di diffondere informazioni personali con leggerezza.

Sicuramente per evitare di essere esposti al rischio di un qualsiasi raggiro è buona norma utilizzare il telefono con moderazione e accortezza, cercando di prestare attenzione ai permessi che si concedono ai siti o ai social network.

Avatar
Sarnataro Carla, nata a Villaricca il 21 giugno del 1993, ha conseguito il diploma nel 2012 presso il Liceo scientifico A.M. De Carlo a Giugliano, mentre la Laurea Triennale in Scienze e Tecniche psicologiche nel 2015. A luglio 2018 ha conseguito la Laurea Magistrale con lode in Psicologia Clinica e di Comunità presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. La scrittura è una passione recondita che pian piano sta fiorendo attraverso diversi sbocchi; la lettura l’accompagna sin da piccola insieme ad altre passioni artistiche come la pittura e il disegno.