foto bruno
foto bruno
adv

 

Il centro storico di Candela presenta numerose testimonianze di una nobile storia

Una passeggiata tra queste stradine e vicoletti vi farà scoprire scorci e dettagli che vi porteranno in altre epoche.

Candela si trova nei Monti Dauni, tra il fiume Ofanto e il torrente Carapelle. La derivazione del nome candela risale dal verbo Candeo a definizione del biancheggiare della vetta del Colle.

Le origini

La sua fondazione risale al X o XI secolo, anche se diversi storici ritengono le sue origini molto più antiche, risalenti forse ai tempi di Orazio. La cittadina nel corso dei secoli ha visto l’avvicendamento al suo comando di diverse famiglie nobili come: Santa Croce, Petrafesa, Lagonessa, Caracciolo, Zurlo, Doria e Della Marra. Nei pressi del paese, nel 1502 fu combattuta una battaglia tra le milizie spagnole con le napoletane. A circa 2 km dalla cittadina vi è un’uscita autostradale Bari-Napoli e l’innesto della superstrada per Foggia e Potenza.

Da visitare

Chiesa Matrice Beata Vergine Maria ha un portale rinascimentale del 1501 ed è affiancata da un campanile romanico sormontato da una torretta con orologio. Di grande pregio sono il coro ligneo e la fonte battesimale del secolo XVII.

Palazzo Doria. E’ un importante edificio nobiliare a tre livelli, che grazie all’iscrizione posta sotto l’elegante porticato rinascimentale si può datare la sua costruzione al 1607. All’interno conserva gli originali soffitti seicenteschi a cassettoni di legno.

 

foto proloco candela
foto proloco candela

Appuntamenti

Candela in fiore. La prima domenica di giugno profumi e colori si mettono in mostra nel borgo con Candela in Fiore, la Kermesse che trasforma il corso in un grande palcoscenico di fiori.

Sagra dell’asparago. Tutto il gusto di uno dei prodotti più rinomati nell’agro di Candela alla sagra dell’asparago che si tiene la seconda domenica del mese.

Natale a Candela. Il sette e l’otto dicembre si svolge il mercatino natalizio incentrato sull’artigianato e gli articoli natalizi. E’ l’occasione per gustare le mele di produzione locale.