Qatar
Qatar
adv

Per combattere il gran caldo, il Qatar ha deciso di progettare un sistema di raffreddamento innovativo, ma con il rischio di un eccessivo consumo di elettricità

Quando accendiamo l’aria condizionata, si chiudono finestre e porte per non far disperdere il fresco. In Qatar però, in vista dei mondiali del 2022, hanno progettato un sistema per rinfrescare le strade, sembra una cosa strana ma è tutto vero. Vediamo in che cosa consiste questo sistema.

Aria condizionata e strade dipinte di blu

I mondiali in Qatar sono una novità assoluta, uno dei problemi che, probabilmente non fu posto nella scelta della sede, è il gran caldo presente in questo territorio. Normalmente questa competizione viene giocata sempre in estate, un rimedio è stato quello di spostarli in inverno, ma non sembra bastare come soluzione. Ecco perché è stata progettata un’idea innovativa, ma forse anche preoccupante: rinfrescare le strade tramite aria condizionata. In estate le temperature superano i 40° gradi, nel resto dell’anno c’è una notevole umidità che rende difficile una corretta respirazione. In Qatar già hanno utilizzato questo sistema agli interni degli stadi, ora lo applicheranno anche sui marciapiedi. Il sistema funziona facendo circolare sotto il suolo acqua fredda, la quale rinfresca l’aria che è poi buttata fuori da appositi tubi.

Inoltre hanno dipinto di blu le strade principali per ridurre l’impatto delle radiazioni solari, in quanto la temperatura di determinati tratti stradali è estremamente elevata.

Tutto ciò è positivo? Non proprio. L’uso dell’aria condizionata, anche all’esterno, comporterà un uso costante di questo sistema di raffreddamento, che avrà un impatto non indifferente sul consumo di elettricità.

Avatar
Nato a Napoli nel 1983, Francesco De Fazio consegue, con lode, la laurea magistrale nel 2012 in “Comunicazione pubblica e d’impresa” presso l'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e nel 2013, presso lo stesso ateneo, si specializza come “Esperto nell’orientamento scolastico, universitario e professionale”. Nel 2011 ha svolto un tirocinio presso l’Ufficio stampa del Provveditorato alla Opere Pubbliche Campania e Molise, ma la passione del giornalismo continua nel corso degli anni continuando a scrivere per vari giornali online. L’esperienza più significata inizia nel giugno 2012 dove lavora presso il Servizio di Orientamento e Tutorato del Suor Orsola Benincasa. In qualità di Consulente all’Orientamento ha svolto attività di: consulenza e colloqui di orientamento didattico e professionale, promozione di Ateneo, gestione social network, tutor d’aula.