adv

Arthur Morgan, protagonista del gioco Western più amato degli ultimi tempi, è giunto alla fine della sua avventura. Vediamo insieme come…

RDR2 è uscito da soli 20 giorni e ha già appassionato moltissimi utenti. Il gioco ricorda la perfetta fusione tra la dinamicità di GTA e la modalità di racconto degli eventi di The Last Of Us, dando vita ad un connubio perfetto tra narrazione e libertà di gioco.

Tuttavia, a distanza di quasi un mese dall’uscita  sembra doveroso riproporre una panoramica del gameplay, prestando attenzione al capitolo finale.

RDR2: il finale drammatico?

Il ritmo della storia inizia a rallentare all’arrivo della città di Horseshoe Overlook, dopo il fallimentare colpo a Blackwater, ma questa parentesi spensierata sarà piuttosto breve.

Il finale drammatico di Red Dead Redemption 2

La banda, infatti,  si ritroverà compatta sfruttando la rivalità tra la famiglia Gray e quella dei Braithwaite Dutch, arricchendosi e manipolando a loro piacimento dei semplici popolani del Sud, ignari dell’astuzia di Arthur Morgan.

Tuttavia, le fmaiglie si rivelano meno impreparate del previsto e reagiscono al tradimento di Morgan con determinazione e furbizia.

In questa parte del gioco le vicende assumono caratteristiche violente e crude, di conseguenza le inquadrature e le musiche rispettano pienamente il ritmo della storia.

Il finale drammatico di Red Dead Redemption 2

La trama non manca di colpi scena, come una piccola parentesi dedicata alle vicende in Guarma e la morte preannunciata del nostro protagonista.

Ebbene, dopo lunghe peripezie Arthur Morgan si trova dinanzi ad una notizia scioccante, ma in un certo senso già prevista.

Nella parte conclusiva del gioco, dopo il naufragio in seguito alla partenza da Guarma, Arthur sarà continuamente soggetto a violenti colpi tosse che lo lasceranno senza fiato e spesso in fin di vita.

Il finale drammatico di Red Dead Redemption 2

Dopo una visita allo studio di un medico, la diagnosi è ormai certa: Arthur Morgan è affetto da Tubercolosi.

RDR2: la morte preannunciata…

Poco prima di morire, Arthur si avvicina al suo cavallo sussurrandogli all’orecchio le parole “Ricordami, ragazzo mio”, che in qualche modo lasciano intendere il suo timore della morte e la paura di non essere ricordato.

Il finale drammatico di Red Dead Redemption 2

La morte del protagonista è un momento commovente in cui tutti gli errori, le scelte e i trascorsi vissuti giungono al termine. Infatti, l’epilogo del gioco  sembra quasi interrompere in maniera violenta e fastidiosa un istante al contempo meraviglioso e terribile.

In questo circolo di sangue e colpi di scena, la tematica prevalente di Red Dead Redemption 2 richiama quella del primo Red Dead,  in cui si cerca di evidenziare che nella morte non c’è vittoria, ma nemmeno liberazione.

Sperando di avervi incuriositi, come sempre Stay Tuned!

Avatar
Sarnataro Carla, nata a Villaricca il 21 giugno del 1993, ha conseguito il diploma nel 2012 presso il Liceo scientifico A.M. De Carlo a Giugliano, mentre la Laurea Triennale in Scienze e Tecniche psicologiche nel 2015. A luglio 2018 ha conseguito la Laurea Magistrale con lode in Psicologia Clinica e di Comunità presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. La scrittura è una passione recondita che pian piano sta fiorendo attraverso diversi sbocchi; la lettura l’accompagna sin da piccola insieme ad altre passioni artistiche come la pittura e il disegno.