Nel pomeriggio di ieri, 4 febbraio, è stato presentato dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e dal Presidente Conte il portale del reddito di cittadinanza.
adv

Nel pomeriggio di ieri, 4 febbraio, è stato presentato dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e dal Presidente Conte il portale del reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza è una misura economica messa appunto dal Governo giallo-verde per combattere la povertà, le disuguaglianze e promuovere l’inclusione sociale. Questo sostegno economico è collegato ad un percorso di reinserimento lavorativo. I beneficiari di questa misura, infatti, dovranno sottoscrivere un Patto, obbligandosi a seguire un percorso personalizzato di inserimento lavorativo e di inclusione sociale. Nel caso in cui a richiedere la sovvenzione sia un nucleo familiare composto esclusivamente da uno o più componenti di età pari o superiore a 67 anni si parlerà, invece, di Pensione di cittadinanza.

I requisiti per poter richiedere il reddito di cittadinanza

Non tutti potranno richiedere questo sostegno economico, per poter accedere sono necessari i seguenti requisiti:

  • Cittadinanza, deve essere cittadino maggiorenne italiano o europeo oppure, un suo familiare che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente o cittadino di Paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE o ancora lungo soggiornante e risiedere in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 in via continuativa;
  • L’ISEE, l’Indicatore di Situazione Economica Equivalente, deve essere aggiornato ed inferiore a 9.360 euro annui;
  • Valore degli immobiliare, il richiedente esclusa la prima abitazione, non deve possedere immobili del valore superiore ai 30.000 euro;
  • Valore patrimonio mobiliare, non deve superare i 6.000 euro per i single, può essere incrementato in base al numero dei componenti della famiglia fino a 10.000 euro. Sono previsti, inoltre, 1.000 euro in più per ogni figlio oltre il secondo o nel caso di componenti con disabilità 5.000 euro in più per ogni componente con disabilità.
  • Reddito familiare, infine, deve essere inferiore a 6.000 euro annui moltiplicato per la scala di equivalenza. La soglia del reddito è elevata a 9.360 euro nei casi in cui il nucleo familiare risieda in una abitazione in affitto.

Sono previsti altri due requisiti per ottenere il reddito di cittadinanza e riguardano il tutto nucleo familiare del richiedente. Invero, nessun componente della famiglia deve possedere: autoveicoli immatricolati la prima volta nei 6 mesi antecedenti la richiesta, o autoveicoli di cilindrata superiore a 1.600 cc oppure motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati la prima volta nei 2 anni antecedenti (sono esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità) e navi e imbarcazioni da diporto (art. 3, c.1, D.lgs. 171/2005).

Sono esclusi da questa misura di sostegno i nuclei familiari che hanno tra i loro componenti soggetti disoccupati a seguito di dimissioni volontarie nei dodici mesi successivi alla data delle dimissioni, fatte salve le dimissioni per giusta causa.

Presentazione della domanda

La domanda per il Reddito di cittadinanza potrà essere inviata a partire dal prossimo 6 marzo secondo tre diverse modalità: direttamente Online sul sito www.redditodicittadinanza.gov.it o, recandosi presso gli Uffici Postali dopo il quinto giorno di ciascun mese oppure presso i CAF.

Avatar
Mi chiamo Benedetta Greco, nel 2013 mi sono laureata in giurisprudenza, presso l'università Federico secondo di Napoli, con tesi sulla definizione di terrorismo in diritto internazionale (di cui vado molto fiera). Ho collaborato come praticante avvocato abilitato per diversi Studi legali e nel 2016 dopo tre anni di gavetta ho superato con successo l'esame di abilitazione alla professione forense. Le mie esperienze professionali si estendono anche al piano della didattica: nel 2014 ho diretto dei moduli riguardanti la “Legislazione commerciale” e “ Legislazione fiscale” nell'ambito di un corso sui “Requisiti professionali per il commercio” nonché un modulo sui “Riferimenti normativi e legislativi in ambito socio sanitario” rientrante nel corso di studi per l’acquisizione dell’attestato di Operatore socio sanitario.