Home ALL CRONACA Cronaca Rosario Padolino: mai più una morte del genere

Rosario Padolino: mai più una morte del genere

310
Famiglia Padolino

Rosario Padolino è il commerciante morto sabato 8 giugno 2019 a causa della caduta di un cornicione. Una morte assurda che poteva e doveva essere evitata

Morire camminando per le vie della propria città, nel luogo dove ti senti più al sicuro è qualcosa di assurdo e inammissibile. Chi scrive conosceva bene Rosario Padolino e la sua famiglia: sua moglie Grazia Ragozzino, le figlie Gabriella e Rossella e due nipoti.

Era un uomo buono, semplice e soprattutto amava tre cose nella vita: la sua famiglia (e gli amici), il suo lavoro (aveva un negozio di abbigliamento) e Napoli (la sua città). Morire mentre si sta tornando al proprio luogo di lavoro, dopo aver preso un caffè al bar, è inammissibile.

Prima il padre e poi Rosario hanno lavorato a via Duomo, a Napoli, una delle strade più importanti della splendida Partenope.

Il mortale incidente a via Duomo

Al civico 228 di via Duomo è accaduto il tragico incidente che è costata la vita di Padolino. Sembra che la rete di protezione del cornicione doveva solo essere un palliativo temporaneo prima dell’inizio dei lavori di messa in sicurezza.

Il problema è che questi lavori non sono mai stati effettuati, per tutta una serie di problemi che sarà la Magistratura a valutare.

La presa di posizione di Confimprese

Confimprese è particolarmente preoccupata per la situazione nella quale versano diverse strade napoletane. Una mappa per indicare le vie dello shopping partenopeo a maggior rischio di caduta calcinacci (o crollo alberi) è stata approntata dai commercianti proprio per evitare future tragedie come quella che ha colpito la famiglia Padolino.

Mappa delle vie a pericolo caduta calcinacci

Parte da via Gian Lorenzo Bernini e via Luca Giordano al Vomero, prosegue per via Salvator Rosa, via Pessina, via Toledo, via Foria per terminare su Corso Garibaldi.

Tutti i commercianti possono inviare le foto dei pericoli ai quali vanno incontro all’indirizzo mail soscrolliconfimpresenapoli@gmail.com.

Rosario Padolino non è morto invano

Finalmente, sembra che qualcosa si stia muovendo. Forse, Rosario Padolino non sarà morto invano. Nella speranza che questi incidenti, mortali o meno, non si ripetano più.

Avatar
Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.