S.T.A.L.K.E.R.
S.T.A.L.K.E.R.
adv

S.T.A.L.K.E.R. 2, il seguito della saga di videogiochi ucraina ambientata nei territori disastrati di Chernobyl, ha dato un segno di vita.

S.T.A.L.K.E.R. La saga

Ambientato nei territori prossimi alla centrale di Chernobyl successivamente alla sua esplosione, S.T.A.L.K.E.R. ci racconta la storia di alcuni coraggiosi cercatori di tesori che sfidano le radiazioni in un territorio completamente ostile. I pericoli presenti in S.T.A.L.K.E.R., infatti, saranno molteplici. Dalle dense piogge radioattive che minano la salute del protagonista, a delle singolarità elettriche e atmosferiche capaci di uccidere istantaneamente il protagonista. E se l’ambiente circostante è dannoso, figurarsi dei personaggi che lo abitano: animali mutati che vogliono fare un lauto banchetto con le nostre carni saranno solo il male minore. Come spesso ci mostrano questi videogiochi, il pericolo maggiore è rappresentato dall’essere umano. Tra le varie fazioni che hanno preso possesso del territorio, non tutte si accontentano di cercare tesori. Quelle più pigre, infatti, lasciano ai cercatori il duro compito di disseppellirli, per rubarli ai nuovi proprietari o peggio. Un universo decisamente aggressivo per chi decide di avvicinarsi a Chernobyl!

I nuovi segnali

GSC Game World, la casa di produzione ucraina che ha fatto nascere la serie, ha modificato alcune cose all’interno del sito internet. Infatti, oltre all’aver modificato il wallpaper ed alcune diciture e collegamenti, il sito ora mostra una breve storia dei capitoli usciti fino ad oggi. Capitoli decisamente non recenti, se si pensa che l’ultima volta che il videogioco è stato nominato è stato ben dieci anni fa. Una pausa decisamente lunga.

S.T.A.L.K.E.R. 2: cosa sappiamo?

Del nuovo progetto, ad oggi, tante sono le ipotesi e le speculazioni, ma ben poche trovano raffronto nella realtà. La casa di produzione, infatti, non ha rilasciato ancora alcuna dichiarazione in merito, lasciando il tutto avvolto nel mistero, compresa la data di pubblicazione e la piattaforma su cui girerà il videogame. L’unica speranza, a questo punto, sembra rimasta quella di attendere fino all’E3 di quest’anno, sperando che le modifiche al sito siano volute e mirate a creare quell’hype giusto ad attendere e pregustare il gioco.

Nato a Napoli nel 1993, consegue il diploma di maturità classica presso il liceo Umberto I, dopodiché decide di abbandonare gli studi canonici per dedicarsi alla scrittura ed alla recitazione. Per quest’ultima si trasferirà a Roma, frequentando accademie e laboratori di recitazione, che lo porteranno a tornare a Napoli nel 2017. La scrittura è una passione che, fin dall’adolescenza, è divenuta sempre maggiore, affiancandosi all’amore per il cibo e per i videogiochi.