trovato cadavere di una settantenne.
Fonte: Unsplash
adv

Ieri, 18 Agosto 2020, il cadavere di una settantenne è stato di trovato in un centro di prima accoglienza di Vallo della Lucania (Salerno), riverso a terra con un coltello conficcato nel petto. Sul posto si sono precipitati i Carabinieri della Stazione di Vallo della Lucania, che hanno emesso un fermo per omicidio nei confronti di un sessantenne campano.

L’accaduto

Ieri, 18 Agosto, una settantenne è stata trovata riversa a terra con un coltello conficcato nel petto in un centro di prima accoglienza di Vallo della Lucania. Alla base del delitto, secondo i primi riscontri, ci sarebbe un movente di natura passionale. La vittima, secondo le prime ricostruzioni, era originaria di Buonabitacolo (Salerno) ma abitava da anni nella città di Vallo della Lucania.

Il provvedimento emesso dalla procura di vallo della Lucania, sotto direzione del Procuratore capo Antonio Ricci, dovrà essere tra poco valutato dal GIP.

Le indagini

L’indagine effettuata dai Carabinieri di Vallo della Lucania, guidati dal Capitano Annarita D’Ambrosio, hanno portato la Procura di Vallo della Lucania ad emettere oggi il fermo nei confronti dell’uomo. Il sessantenne, in sede d’interrogatorio e alla presenza del suo legale, ha messo le sue responsabilità, confermando il movente passionale alla base del delitto.

Posta sotto sequestro tutta l’area in cui è stato ritrovato il cadavere della donna.