santo_del_giorno
adv

San Dionigi era un nobile vissuto nel II secolo

Fin da ragazzino, Dionigi fu un appassionato studioso di astronomia e per impararla al meglio si recò anche in Egitto, dove si trovavano all’epoca i più grandi esperti nel campo.

Per la cultura, la personalità e la saggezza che lo contraddistinguevano, fu eletto giudice ad Atene e prese posto nell’Areopago, l’assemblea dei sapienti.

Fu proprio qui che Dionigi rimase estasiato dalla predicazione di Paolo, l’apostolo, al punto che, dopo aver ricevuto il battesimo, divenne lui stesso uno dei più ferventi propagatori della dottrina cristiana.

Fu lo stesso Paolo a consacrarlo vescovo di Corinto. La Fede, professata con passione e dedizione, gli costò la vita: venne arso vivo a Corinto.

 

 

 

 

A Napoli si dice: “Masto a uocchie, masto ‘e papuocchie”.
Si dice di chi lavora in modo approssimativo e superficiale.

 

 

 

Riflessione del giorno:

Credo che ci sia troppa superficialità, troppa presunzione e una spaventosa mancanza di memoria storica.
(Carlo Verdone)

 

 

Casimiro Todicchio