santo_del_giorno
adv

Sant’ Edesio filosofo e martire della Licia nell’Asia Minore, fratello di S. Appiano martire, ebbe genitori pagani che lo educarono nel culto idolatra

Di grande ingegno studiò la filosofia pagana, ma venuto a conoscenza di San Panfilo fu da lui istruito nella cattolica fede e battezzato. Durante la persecuzione di Massimiano, venne imprigionato e condannato ai lavori forzati nelle miniere.

Calmata alquanto la persecuzione venne lasciato in libertà in Alessandria di Egitto. lvi con santo zelo si presentò a Gerocle, prefetto della città, per lamentare acerbamente l’oltraggio fatto al pudore di tante vergini cristiane per costringerle a rinnegare la fede di Gesù Cristo.

Fu imprigionato un’altra volta e sottoposto alle più crudeli torture. Il Santo, felice di poter rendere testimonianza della fede, soffrì ogni tormento con eroica fortezza, incoraggiando i presenti a disprezzare gli idoli e abbracciare la fede di Gesù Cristo.

Il prefetto ardente di rabbia nel vedersi così burlato ordinò che il martire fosse gettato in mare.

 

 

 

 

 

A Napoli si dice: “Femmene corte e meneste crure, portano l’ommo ‘a sepoltura”.
Femmine corte e minestre crude, portano l’uomo alla tomba.

 

 

 

 

 

 

Riflessione del giorno:

Le persone che si fanno cremare immaginano che, ridotte in cenere, sfuggiranno a Dio.
(Jules Renard)

 

 

 

 

Casimiro Todicchio