Fortnite
Fortnite
adv

A Brooklyn, il noto epic gameFortnite”  causa il licenziamento di un giovane professore americano

Fortnite, è, senza dubbio alcuno, l’epic game che, più di ogni altro, sta pilotando la storia del gaming on line. Esso vanta oltre 200 milioni di iscritti, tra cui star internazionali, come il guru dell’elettronica “Marshmello”.

Fortnite è diventato, oltretutto, un’opportunità per ottenere ingenti guadagni, perseguendo gli obbiettivi designati e recitando grandi performance nei tornei ufficiali; tanto da foggiare e dare vita ai “Fortnite Workers”: coloro che fanno di questo gioco un vero e proprio lavoro.

Il licenziamento del professore

A Brooklyn, in un istituto superiore, Fortnite è stato il pomo della discordia che ha determinato il licenziamento del professore di educazione fisica Brett Belsky. La notizia ufficiale è arrivata direttamente dal NewYork Post.

Professore
Professore studenti

Dalle dichiarazioni rilasciate, Il professore, sfidando i propri alunni a Fortnite, cercava di sperimentare metodi alternativi di insegnamento. Second Brett, per entrare in connessione con gli studenti, è essenziale confrontarsi con il linguaggio da loro utilizzato. Ciò, inoltre, può portare a notevoli incrementi in termini di motivazione ed autostima.

Il Dipartimento  di Educazione di NewYork, non sembra aver colto le intenzioni del professore, notificandone prima la sospensione, e successivamente il definitivo sollevamento dall’incarico.

La dinamica dell’accaduto

Il professor Belsky avrebbe chiesto, tramite un avviso sulla bacheca scolastica, il consenso ai genitori di ragazzi, che hanno approvato il virtuoso tentativo. Brett era venuto a conoscenza che, le tante ore trascorse dai suoi alunni a giocare a Fortnite, erano causa di un notevole calo delle prestazioni nella sua materia.

Fortnite
Fortnite

Egli ha deciso, allora, di trasformare un punto di debolezza in un punto di forza, promettendo, inoltre, un disco da Hockey autografato, come ricompensa in caso di vittoria.

Il ricorso in appello

La sessione di gioco incriminata sarebbe durata solo 20 minuti. Brett, infatti, è ricorso in appello contro l’estrema decisione dei dirigenti scolastici.

Sostenendo l’evoluzione e caldeggiando chi tenta di portare progresso e innovazione, Psb PrivacyeSicurezza fa l’augurio al professore di un pronto ritorno a lavoro.