Negativa la TAC, ma Scavone resta in osservazione. Rinviata a data da destinarsi Lecce-Ascoli
Giacomo Beretta è andato a visitare Manuel Scavone
adv

Negativa la TAC, ma Scavone resta in osservazione. Rinviata a data da destinarsi Lecce-Ascoli

Stadio Via del Mare di Lecce: si stava giocando l’anticipo della 22^ giornata di Serie B, tanta paura allo stadio e tra i calciatori in campo.
Manuel Scavone, centrocampista del Lecce in prestito dal Parma, ha perso i sensi in seguito a un contrasto aereo con Beretta.
Nella caduta, in cui franerà con il corpo intero, sbatterà in maniera forte la testa sul campo: con tutta probabilità, però, pare abbia perso i sensi già durante il contatto con il giocatore avversario.
Repentino l’intervento dell’ambulanza: il giocatore è stato portato subito in ospedale.
La TAC ha riportato un esito negativo; il ragazzo dovrà rimanere, anche nella giornata di oggi, ricoverato in oservazione.
La decisione dell’arbitro Baroni è stata di interrompere e poi rinviare (a data da destinarsi) il match.

La cronaca dell’infortunio

Ore 21:00, parte il match al Via del Mare di Lecce.
La partita, però, è durata meno di un minuto: Lecce e Ascoli stavano giocando l’anticipo della 22^ giornata di serie B.
Enorme spavento in seguito a un contrasto fortuito, dopo pochi secondi di gioco, tra Giacomo Beretta e Manuel Scavone.
Scavone ha la peggio rimanendo a terra senza sensi, tanta paura tra gli spalti e i giocatori, necessario l’intervento dei soccorritori.
Il centrocampista, di proprietà del parma, classe 87′ ha collezionato 18 presenza e due gol in questa stagione.
Le cure, fortunatamente, sono arrivate in tempo; i giocatori in campo hanno aperto un varco, tra i cartelloni pubblicitari in campo, al fine di agevolare l’ingresso dell’ambulanza.
Alcune fonti dicono che il calciatore fosse ancora in stato confusionale, riprendendo conoscenza dopo alcuni minuti.
L’arbitro Baroni, di comune accordo con entrambe le squadre, ha prima sospeso e poi rinviato la partita.

Scavone è fuori pericolo: la TAC ha avuto esito negativo

Il giocatore 31enne, come segnalato, non è mai andato in arresto cardiaco.
In seguito allo scontro, Mancosu e Ciciretti, hanno mostrato nervi saldi estraendo la lingua del loro compagno di squadra; manovra che, in pratica, gli ha salvato la vita.
Il battito è sceso a 20, in seguito è stato effettuato un massaggio cardiaco da parte dello staff sanitario.
Non è stato necessario l’utilizzo del defibrillatore.
Il giocatore ha ripreso conoscenza prima di salire sull’ambulanza, fortunatamente.
Le varie TAC effettuate sul calciatore (cranica, toracica e cervicale) hanno dato esito negativo.
Scavone è stato prontamente trasportato all’ospedale Vito Fazzi di Lecce; ricoverato nel reparto di Neurochirurgia, in via precauzionale, anche nella giornata di oggi.

Il comunicato ufficiale dell’ U.S. Lecce

Di seguito riportiamo il comunicato ufficiale, rilasciato dagli organi societari dell’ Unione Sportiva Lecce: “Le condizioni di Scavone sono comunque buone. I medici hanno già eseguito diverse Tac: cranio, cervicale e torace, tutte con esito negativo, quindi senza lesioni interne. Poiché il paziente ha perso conoscenza, i medici del Pronto Soccorso, d’intesa con il neurochirurgo di turno, hanno deciso il ricovero precauzionale in Neurochirugia, dove sarà tenuto in osservazione per almeno 24 ore”.