Clonazione di schede Sim: conti correnti bancari totalmente prosciugati
adv

L’ultima truffa in provincia di Savona, da oltre 20 mila euro: la “sim swap” porta il centro delle indagini in Campania

Supera il milione di euro il totale prosciugato dai vari conti correnti bancari delle vittime; la truffa della “sim swap” ormai dilaga a “macchia d’olio”

Come funziona

I truffatori, tramite un virus informatico, avranno accesso alla sim e ad avere pieno controllo sul telefono.
La seconda fase si sviluppa creando documenti di riconoscimento fasulli, con i dati degli intestatari, così si potrà ricevere una nuova sim nei negozi di telefonia.
La vecchia sim è ormai disattivata, i pirati informatici contatteranno la banca di provenienza del cliente e il gioco è fatto.
Verranno ricevute le nuove credenziali d’accesso all’area telematica del conto corrente e tramite vari trasferimenti di denaro i conti vengono prosciugati.

Estate 2018: denunce e arresti

Nel mese di giugno, qui Villa Literno (CE), fa notizia l’arresto di una signora di oltre 70 anni.
La signora si era recata presso un ufficio postale con documenti falsi mettendo in atto l’ultima parte della truffa, le forze dell’ordine però sono arrivate in tempo.
Arrivano a 30 le persone indagate dalle province di Napoli e Caserta.
E’ stato scoperto che un negozio di telefonia certificato era il cuore pulsante della “banda delle sim“.

Come difendersi?

Massimiliano Mormone, commissario a capo della Polizia Postale di Napoli, parla di tantissime denunce reperite negli ultimi mesi.
Non è difficile difendersi, ma consigliano di utilizzare i metodi più conosciuti: dall’usare password lunghe, alfanumeriche e differenti di sito in sito, all’evitare di pubblicare dati personali sui social network e di controllare giornalmente il proprio Conto Corrente.
In caso i vostri cellulari diano segnali di aver contratto un “virus” contattate l’operatore telefonico e la vostra banca.
I conti correnti possono essere derubati in poche ore, si consiglia anche di evitare l’apertura delle mail di dubbia provenienza (o spam) e di scaricare applicazioni da autori non verificati.