Scioperi trasporto pubblico
adv

Mercoledì 24 e venerdì 26 luglio saranno due giorni di passione per chi dovrà spostarsi con i mezzi pubblici a causa di alcuni scioperi

Con l’arrivo dell’estate iniziano anche gli scioperi sindacali delle diverse sigle dei lavoratori dei trasporti pubblici.

Gli scioperi del trasporto pubblico

Due saranno i giorni nei quali sarà in forte rischio il trasporto urbano e interurbano (a livello nazionale): il 24 e il 26 luglio. Mercoledì sarà tutto fermo, dai treni agli aerei passando per le metropolitane mentre venerdì lo sciopero verterà solo sul trasporto aereo.

Mercoledì 24 luglio

L’idea di questi scioperi ha fatto infuriare i consumatori, i quali, per bocca della Codacons, hanno minacciato di denunciare i sindacati con l’accusa di “violenza privata”. È stato inoltre richiesto, alle autorità competenti, di precettare i lavoratori. La situazione è molto  tesa, tanto che proprio per questo mercoledì è stata organizzata una riunione tra il Ministro dei Trasporti e i rappresentanti dei diversi sindacati aderenti allo sciopero per arrivare ad un accordo soddisfacente prima del 26.

Il motivo che ha portato Uiltrasporti, Filt Cgil e Fit Cisl ad organizzare questi scioperi concerne proprio l’avvio di un dialogo costruttivo atto a risolvere una serie di problemi.

Per il 24, lo sciopero è stato organizzato su diversi livelli e differenti fasce orarie con presidi in diverse città: a Roma, la protesta avverrà davanti al Ministero dei Trasporti.

Per il trasporto pubblico, la protesta avrà una durata di 4 ore. A Napoli sarà dalle 9.00 alle 13.00; a Roma dalle 12.30 alle 16:30; a Firenze, Milano e Torino partirà alle 18.00 e si concluderà alle 22.00; a Bologna inizierà alle 11.00 per terminare alle 15.00.

Le cose andranno ancora peggio in autostrada e tangenziale: lo sciopero scatterà nelle ultime 4 ore del turno per il personale che gestisce la viabilità, i diversi impianti e la sala radio. Gli addetti ai caselli saranno fermi per un intero turno.

Per 8 ore, invece, incroceranno le braccia il personale ferroviario: dalle 9.00 alle 17.00. Il trasporto marittimo sciopererà per tutta la giornata, saranno garantiti solo i servizi essenziali.

Per il 24 luglio sono previsti scioperi anche per il servizio del trasporto funerario, taxi, soccorso stradale e autonoleggio.

Venerdì 26 luglio

Ad andare in tilt, venerdì 26 luglio, sarà il trasporto aereo. Gli aerei saranno fermi dalle 10:00 alle 14:00. Sempre per questa data è previsto uno stop di 24 ore di tutto il personale Alitalia. Lo sciopero è stato indetto, in questo caso, Anpac, Anpav, Anp, Usb, Cub-Trasporti e Air Crew Committee.

A preoccupare è la situazione incerta della compagnia aerea italiana di bandiera.

Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Ha concluso il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata nel febbraio 2018.