Amazon musica in streaming gratis
Amazon musica in streaming gratis
adv

È trascorsa solo qualche ora da quando il consiglio comunale di Seattle ha deciso di approvare la cosiddetta Amazon tax, la tassa a favore dei senzatetto

È stata soprannominata Amazon tax , l’imposta pari a 275 dollari l’anno che tutti i dipendenti delle grandi aziende, con fatturato annuo superiore ai 20 milioni di dollari, dovranno pagare.

La tassa, invero, non colpisce solo Amazon ma ben 131 compagnie sul territorio, tra le quali il gigante del caffè Starbucks .

Il colosso dell’e-commerce si vede però maggiormente colpito da questo provvedimento: dei 44,7 milioni in entrata previsti, infatti, circa il 25% (12,4 milioni di dollari) dovrebbe provenire da Amazon.

Gli aspetti della legge

La legge approvata all’unanimità dal consiglio comunale di Seattle( 9 voti a 0) dovrebbe restare in vigore per  5 anni. L’ultima parola spetta però alla prima cittadina Jenny Durkan, che esprimendo le proprie perplessità sulla questione ha fatto appello al diritto di veto. Tutto il ricavato sarà destinato alla costruzione di case popolari e al finanziamento di servizi e progetti di assistenza ai senzatetto.

Il contributo doveva essere inizialmente di 500 dollari, ma nonostante sia stato ridimensionato a 275 dollari, i malumori delle grandi compagnie non hanno tardato a manifestarsi.

Per quanto lo scopo sia nobile, e l’emergenza senzatetto sia concreta ed estesa a tutto il territorio della contea, c’è da chiedersi se è giusto che aziende private che portano ogni anno centinaia di occupazioni, debbano farsi carico di problemi che l’amministrazione pubblica non riesce a risolvere.

La risposta di Amazon

La reazione di Amazon è stata tempestiva, minacciando il fermo dello sviluppo dell’azienda sul territorio; espansione che prometteva circa 7 mila nuovi posti di lavoro. A prendere la parola è stato lo stesso proprietario di Amazon Jeff Bezos, che, intimidito dall’approccio ostile del consiglio comunale, si sente costretto a porsi domande sul futuro della crescita dell’azienda nella zona.

jeff bezos amazon

Ad esprimere la sua opinione è stato anche il vicepresidente della compagnia Drew Herdener che parla invece di una pessima gestione delle risorse da parte delle istituzioni.