adv

Mancano solo pochi mesi per l’attesissimo titolo targato FromSoftware, intanto sono stati svelati altri dettagli molto interessanti…

Sekiro: Shadows Die Twice è il protagonista del nuovo videogame diretto da Hidetaka Miyazaki.l personaggio è uno shinobi in cerca di vendetta e al momento sono stati svelati, dallo stesso ideatore, alcuni dettagli sul suo sistema di progressione.

Innanzitutto, i punti esperienza non potranno essere interscambiati con la valuta in-game, infatti il Player riceverà punti esperienza uccidendo i nemici ed otterrà il denaro in altro modo.

Inoltre, denaro e XP (punti esperienza) non verranno persi in caso di morte del personaggio, quest’ultima funge solo da elemento punitivo.

Sekiro Shadows Die Twice

I punti esperienza serviranno ad accedere ad abilità particolari, le quali sono raggruppate all’interno degli Skill Tree, ovvero gli alberi delle abilità che potranno essere attivati solo tramite oggetti specifici.

Ogni giocatore potrà personalizzare il proprio personaggio, specializzandolo in abilità specifiche inerenti al gioco stealth, all’evoluzione del braccio protesico o al combattimento a viso aperto.

Infine, ogni player potrà decidere di aumentare ed incrementare le barre dell’equilibrio e della Salute Vitale.

Questi primi dettagli legati al personaggio e alla sua progressione sembrano essere più accessibili rispetto a quelli presenti nel gioco di Dark Souls, tuttavia non vanno in alcun modo ad inficiare sulla qualità del prodotto finale.

Video a cura di SpazioGames.it

Sekiro: manca la versione online del gioco!

Un’altra curiosità legata a Sekiro: Shadows Die Twice è la mancanza del multiplayer online.

 A spiegare le ragioni di questa scelta è stato Yasuhiro Kitao, Manager del Marketing e delle Comunicazioni della FromSoftware, il quale ha spiegato che in questo modo si punta maggiormente alla maggiore libertà creativa del giocatore, donando all’esperienza di gioco una maggiore personalizzazione.

Kitao non ha escluso la possibilità in futuro di dare accesso al mondo online, ma al momento sembra che Sekiro sia dotato di un’identità propria che si cerca di valorizzare in tutti i modi.

Sekiro Shadows Die Twice

Sekiro: Spoiler Alert!!!

Altri dettagli sull’ambientazione di Sekiro sono stati svelati recentemente in un esclusivo video gameplay ambientato nell’area di Hirata Estates.

In questa particolare regione del gioco, i giocatori potranno esplorare le meccaniche di nuoto e rivivere un emozionante flashback risalente a 3 anni prima della storia riguardante lo shinobi.

Grazie a questo importante stralcio di racconto saranno rivelati dei dettagli sul passato di Sekiro, in particolar modo si farà luce sul suo rapporto con un personaggio di nome Young Lord.

Grazie al video gameplay presente in rete, si è scoperto la possibilità di  mettere in pausa il gioco durante una partita, un aspetto molto importante che segna una sostanziale differenza dalla serie dei Dark Souls.

Inoltre, gli spazi del gioco saranno molto più aperti  rispetto a quelli presenti in Demon’s Souls, nella trilogia di Dark Souls e in Bloodborne, mentre le  possibilità di movimento sono maggiori, pari a quelle di un free roaming.

Tutto sommato, il contesto ludico sembra essere molto simile a quello della trilogia dei Souls, infatti per chi conosce bene la saga potrà notare la presenza degli Hub Centrale a cui si potrà fare ritorno per ricevere missioni, armi e indicazioni su personaggi secondari.

Si ricorda che il gioco di Sekiro: Shadows Die Twice sarà ufficialmente acquistabile il 22 marzo 2019 per PC, Xbox One e PlayStation 4.

Nel frattempo, come sempre Stay Tuned!

Sarnataro Carla, nata a Villaricca il 21 giugno del 1993, ha conseguito il diploma nel 2012 presso il Liceo scientifico A.M. De Carlo a Giugliano, mentre la Laurea Triennale in Scienze e Tecniche psicologiche nel 2015. A luglio 2018 ha conseguito la Laurea Magistrale con lode in Psicologia Clinica e di Comunità presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. La scrittura è una passione recondita che pian piano sta fiorendo attraverso diversi sbocchi; la lettura l’accompagna sin da piccola insieme ad altre passioni artistiche come la pittura e il disegno.