Serie Tv e videogiochi: un 2019 da vedere e giocare
adv

Da Carmen Sandiego a The Witcher, da Sonic a Minecraft: le serie tv e il cinema dell’anno appena iniziato attingeranno parecchio dal mondo delle console

 

Cinema e videogiochi sono mondi distanti che, però, spesso e volentieri si sono incontrati nella creazione di prodotti talvolta ben riusciti, come il recente Warcraft: l’inizio, talvolta un po’ meno (gli ultimi Resident Evil, i vari Tekken e Street Fighter, ma anche blockbusteroni non proprio esaltanti come Assassin’s Creed e Tomb Raider). Il 2019 sembra dover essere un anno parecchio promettente in tal senso: vediamo, dunque, quali sono le più importanti uscite dell’anno ispirate al mondo videoludico e, soprattutto, quali sono le aspettative al riguardo.

Le serie tv in arrivo

Il pezzo grosso, per quanto riguarda la serialità televisiva, sarà sicuramente The Witcher. L’attesissima prima stagione della serie tratta dai libri di Andrzej Sapkowski (nota bene: non dai giochi di CD Projekt Red) non ha ancora una data d’uscita ufficiale, ma esordirà sicuramente durante quest’anno. Ciò che è certo è che Netflix, che produrrà la serie, non ha badato a spese, coinvolgendo nel progetto anche attori affermati come Henri Cavill, il Superman del DC Extended Universe, che impersonerà proprio il protagonista, Geralt di Rivia. Le aspettative, dunque, non possono che essere altissime, data la popolarità della saga e le premesse appena elencate. Sempre su Netflix arriverà l’altro pezzo da novanta di questo 2019, ovvero la nuova serie animata sulle avventure di Carmen Sandiego. Anche qui le premesse sembrano davvero ottime e il cast rispettabile: tra i nomi dei doppiatori originali spicca quello di Finn Wolfhard, il giovanissimo interprete del Mike di Stranger Things, popolarissima serie prodotta proprio da Netflix. Per Carmen Sandiego, protagonista di una famosa serie di videogiochi educativi, non è la prima incursione nel mondo televisivo: la prima serie tv dedicata alla celebre ladra fu, infatti, prodotta durante la prima metà degli anni 90 e trasmessa, in Italia, su Raidue.

E al cinema?

Non solo serie tv: cose grosse bollono in pentola anche per quanto riguarda il grande schermo. A rubare la scena a tutti già dai primi trailer è stato Detective Pikachu, film tratto dall’omonimo videogioco di Nintendo con protagonista proprio il più famoso dei Pokémon. Il film, misto tra live action e animazione digitale, sembra voler fare dell’irriverenza e della comicità i propri punti di forza: non è un caso che a doppiare Pikachu sia stato scelto Ryan Reynolds, ormai sempre più calato nei poco politicamente corretti panni di Deadpool. A far parlare di sé è arrivato anche il film su Sonic che, sin dalle prime immagini, ha diviso i fan storici tra fiduciosi e sfiduciati riguardo la resa sul grande schermo della storica mascotte di Sega. Incuriosisce, inoltre, anche l’imminente uscita del film su Minecraft, previsto nelle sale per maggio 2019.

Una linea sottile

L’intersezione tra cinema e videogiochi è sempre stato un campo minato. La linea che divide un valido omaggio dall’ennesimo capolavoro del trash involontario è spesso davvero sottile e riuscire a non superarla è appannaggio di pochi. Nemmeno un budget alto è garanzia di successo, così come dimostrano i recenti casi di Assassin’s Creed e Tomb Raider, che si tratti di film o di serie tv. Cosa ci proporrà, dunque, questo 2019? Lavori ben fatti o brutture da spedire presto nel dimenticatoio insieme a tanti loro predecessori? I prossimi mesi ci daranno le prime sentenze e, stiamone certi, non si faranno sconti a nessuno.

Avatar
Nato a Napoli il 29/06/1993, la passione per la scrittura e per la tecnologia crescono in lui quasi pari passo: questa duplice natura lo porta a frequentare la facoltà di Ingegneria Chimica e contestualmente a coltivare le proprie velleità di scrittore. Comincia a collaborare con PSB nel giugno 2018, sperando di trovare in quest’esperienza il perfetto connubio di questi due animi.