Sesso pontile Forte di Marmi
adv

Il pontile di Forte dei Marmi, Lucca, si trasforma nell’alcova di due amanti: il video viene subito postato in rete e diventa virale

Ieri notte, a Forte dei Marmi, provincia di Lucca, una coppia festeggiava l’inizio della primavera dando libero sfogo alle proprie passioni, praticando sesso apertamente lungo il pontile.

Sfortuna vuole che gli amanti siano stati ripresi dallo smartphone di un passante, che ha registrato la scena per oltre 30 secondi. Il video piccante mostra l’atto sessuale senza alcun freno o inibizione. I 2 riescono tranquillamente ad ignorare un uomo sullo sfondo che portava il cane a spasso, mentre il filmmaker improvvisato se la ride in sottofondo. La clip, rimbalzata prima da un Whatsapp all’altro, è stata postata in rete e divenuta virale.

La componente psicologica

Lungi da noi moralizzare e giudicare le passioni della coppia incriminata. Praticare l’atto sessuale in un luogo pubblico, oltre a cedere ad un profondo istinto radicato nell’uomo, diviene performance ambasciatrice di una seconda esigenza: la spettacolare attrattiva di manifestare il proprio desiderio di libertà in un’azione che, se compiuta nella propria sfera privata, non è illegale.

sesso pontile forte dei marmi

Ad infiammare l’uomo, quindi, c’è anche la volontà di contravvenire alle regole della società, esercitando i propri impulsi più profondi, anche se solo per pochi secondi; per sentirsi liberi, vivi.

La necessità di una ferrea regolamentazione sul web

Da questo grottesco episodio emerge, inoltre, la crescente necessità di redigere una ferrea regolamentazione su ciò che riguarda il mondo del web. Già troppi sono stati i casi di persone rovinate dalla circolazione in rete di video privati. Pensiamo a Tiziana Cantone, giovanissima ragazza di Mugnano di Napoli, morta sucida dopo che un video del tutto personale aveva fatto in poco tempo il giro di internet.

È chiaro che, chi di dovere, debba quanto prima muoversi per stilare una normativa che blocchi il traffico in rete di contenuti non autorizzati, e che punisca efficacemente i trasgressori virtuali.