SMS 2.0 di Google la nuova modalità per scambiarsi i messaggi
adv

Aria di cambiamenti con i nuovi SMS 2.0 di Google

In pochi anni, applicazioni come WhatsApp e Telegram hanno dominato il mondo della messaggistica ma, come dichiarano gli esperti, i nuovi SMS 2.0 di Google potranno dare del filo da torcere agli attuali sovrani.

Google SMS 2.0

Con l’introduzione di applicazioni di messaggistica come WhatsApp e Telegram, i messaggi istantanei hanno preso il sopravvento sui comuni SMS. Ultimamente però, pare che anche i nuovi arrivati siano destinati ad essere scavalcati da Google che, nelle prossime settimane, rilascerà ufficialmente in tutto il mondo una nuova tecnologia: gli SMS 2.0. Come suggerisce il nome, verrà data nuova vita agli ormai datati SMS. Gli SMS 2.0 saranno il nuovo modo di comunicare le cui basi sono fondate sul protocollo RCS (Rich Communication Services). Con tale tecnologia, Google vuole tornare ad affermarsi nella messaggistica in tempo reale sfidando il dominio di WhatsApp che nel 2014 è stato acquisito da Facebook, in modo da riscattarsi per l’insuccesso di Google+.

Una prima fase di testing

Come ha dichiarato Google stesso, i nuovi SMS 2.0 sono in fase di testing in diversi paesi del mondo, come Francia, Inghilterra ed USA. Questo periodo di prova permetterà al colosso della Mountain View di lanciare i nuovi messaggi in tutta sicurezza, senza che gli utenti possano incappare in qualche fastidioso bug ed altri problemi. Il protocollo RCS ha permesso a Google di potenziare i classici 165 caratteri di un tempo. In questo modo, sarà possibile allegare agli SMS contenuti multimediali, come video, foto, note audio e documenti. Per utilizzare i nuovi messaggi, basterà semplicemente scaricare sul proprio Smartphone l’applicazione “Messaggi”, disponibile gratuitamente su tutti i principali store Android online.

Cos’è il protocollo RCS

Il protocollo RCS non è altro che un diverso modo di arricchire il vecchio short message service, anche comunemente noto come SMS, con contenuti multimediali. Il tutto sfruttando la larghezza di banda infinitamente superiore a quella attualmente utilizzata per i messaggini. Così come WhatsApp, i messaggi possono essere letti in tempo reale,vi saranno i segni di spunta a cui oramai siamo abituati, in modo da segnalare quando un messaggio è giunto a destinazione e/o è stato letto. Tutto in modo simile al ben noto WhatsApp. L’obiettivo di Google, infatti, è quello di sfruttare potenzialità e funzionalità ormai note, facendo leva sul fatto che WhatsApp è un’applicazione terza da installare, mentre quella dei Messaggi risulterebbe integrata direttamente nel set fornito da Google con Android.

Come utilizzare i messaggi di Google

Il protocollo RCS è stato sviluppato da diverso tempo ed ha mostrato diverse potenzialità nella fase di testing, ma la novità è in arrivo per gli utenti di Android. In questi giorni, infatti, Google sta iniziando a distribuire il suo SMS 2.0 come protocollo utilizzabile sempre nell’area messaggi, area deputata ai vecchi SMS, ed oramai divenutaquasi del tutto inutilizzata. In questo modo, gli utenti, se possiedono l’applicazione Messaggi (installata in moltissimi smartphone Android nel set di fabbrica), possono abilitare il protocollo RCS e cominciare ad utilizzare questo nuovo modo di comunicare.