Il futuro del San Paolo di Napoli sarà nel privato?
Il futuro del San Paolo di Napoli sarà nel privato?
adv

Si avvicinano le Universiadi e continuano i lavori di miglioramento dello stadio San Paolo che si tingerà di azzurro

Lo Stadio San Paolo è da molti anni al centro delle polemiche, i tifosi lamentano da sempre le notevoli carenze strutturali dell’impianto.

Con l’avvicinarsi delle Universiadi, però, sembra che lo stadio stia facendo dei passi avanti per l’ammodernamento.

Proprio recentemente si stanno smontando gli storici sediolini dagli spalti per mettere quelli nuovi colorati di azzurro. Vediamo come stanno procedendo i lavori e come sarà il nuovo San Paolo.

Stadio San Paolo: tutto azzurro

Addio agli storici seggiolini che tutti i tifosi del Napoli conoscono benissimo. Saranno distrutti o acquistati dai nostalgici ad un prezzo simbolico.

È arrivato il momento di guardare avanti e il nuovo inizio comincia dai sediolini di colore azzurro.

Dal sito delle Universiadi è possibile vedere un’immagine su come sarà il nuovo stadio.

Non solo l’azzurro, che sarà predominante, ma ci sarà un mix di cinque colori. L’ATI, l’aggiudicataria dei lavori di sostituzione dei seggiolini, ha consegnato al Commissario straordinario Gianluca Basile i rendering che presentano il nuovo volto dello stadio che ospiterà la cerimonia di apertura dell’Universiade in programma il 3 luglio e le gare di atletica leggera.

I cinque colori per i nuovi seggiolini saranno: azzurro, blu, grigio, bianco e giallo. L’azzurro richiamerà il blu e grigio della pista d’atletica.

Dal progetto esecutivo si evince che i lavori dovranno essere ultimati entro e non oltre il 29 giugno, data entro la quale tutti i seggiolini, circa 55mila, dell’impianto saranno sostituiti.

Stadio San Paolo: non solo i sediolini

L’intervento, ovviamente, non riguarda solo i sediolini, ma fa parte di un ampio progetto di riqualificazione dello stadio San Paolo, per il quale sono stati stanziati complessivamente dalla Regione Campania 20 milioni di euro.

Oltre alla questione sediolini che procede speditamente, sono stati completati anche l’impianto di illuminazione e l’impianto audio.

Inoltre, stanno per essere completati anche la ristrutturazione dei bagni, da ormai troppi anni mal funzionanti e la realizzazione di nuovi servizi igienici. Iniziati anche i lavori per la pista d’atletica.

Non ci resta che attendere quest’estate per ammirare le novità della struttura di Fuorigrotta.

Stadio San Paolo
Ecco, nel dettaglio, uno dei nuovi sediolini dello Stadio San Paolo. Foto da universiade2019napoli.it

Il lungo percorso di restyling dello stadio

L’impianto, che ha già superato da tempo il mezzo secolo di vita, è da anni è in progressivo decadimento e, complice la concomitanza di eventi ambientali particolarmente avversi, ha impedito alcune volte lo svolgersi delle partite di calcio.

Ovviamente, nel corso degli anni, non sono mancati alcuni lavori di ristrutturazione come ad esempio: la chiusura del terzo anello, l’installazione dei tornelli all’ingresso e di telecamere all’interno e all’esterno dello stadio.

In più ci sono stati l’ampliamento della sala stampa e lavori di manutenzione delle coperture.

In tempi più recenti la struttura è stata dotata di due schermi LED di 16 metri ognuno installati al posto dei due vecchi display, non funzionanti, risalenti ai campionati mondiali di Italia ’90.

L’arrivo delle Universiadi ha dato un nuovo e decisivo impulso per il restyling del San Paolo.

 

 

Nato a Napoli nel 1983, Francesco De Fazio consegue, con lode, la laurea magistrale nel 2012 in “Comunicazione pubblica e d’impresa” presso l'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e nel 2013, presso lo stesso ateneo, si specializza come “Esperto nell’orientamento scolastico, universitario e professionale”. Nel 2011 ha svolto un tirocinio presso l’Ufficio stampa del Provveditorato alla Opere Pubbliche Campania e Molise, ma la passione del giornalismo continua nel corso degli anni continuando a scrivere per vari giornali online. L’esperienza più significata inizia nel giugno 2012 dove lavora presso il Servizio di Orientamento e Tutorato del Suor Orsola Benincasa. In qualità di Consulente all’Orientamento ha svolto attività di: consulenza e colloqui di orientamento didattico e professionale, promozione di Ateneo, gestione social network, tutor d’aula.