Star Trek: Michael Chabon tra gli autori della serie tv su Picard

39
Star Trek
Star Trek
adv

Star Trek è un universo fantascientifico in continua espansione. Il Premio Pulitzer Michael Chabon darà il suo contributo per la serie tv dedicata al Capitano Picard

Per la nuova serie tv targata Star Trek, dedicata al grande eroe dell’Enterprise Jean-Luc Picard,  è stato deciso di chiamare, tra gli autori della sceneggiatura, il Premio Pulitzer Michael Chabon.

Chabon e Star Trek

Michael Chabon ha iniziato a collaborare con la serie televisiva Star Trek: Discovery, per la quale sceneggiò uno dei corti più strani che siano mai apparsi: Star Trek: Short Treks, nel quale due individui si ritrovano soli a bordo di un’astronave abbandonata nello Spazio profondo.

Tutto ciò è stato reso possibile dal produttore Alexander Hilary Kurtzman (meglio noto come Alex Kurtzman), il quale, appena saputo della passione dello scrittore per l’opera di Gene Roddenberry, decise di richiedere il suo apporto per la futura opera da svolgere.

Saluto vulcaniano
Saluto vulcaniano

Kurtzman era un grande fan del lavoro di Chabon, soprattutto di Le fantastiche avventure di Kavalier e Clay e de Il sindacato dei poliziotti yiddish.

Il retroterra di Chabon

Michael Chabon è nato il 24 maggio 1963, a Washington D. C. (District of Columbia), da famiglia di fede ebraica. Religione che ha permeato tutta la sua vita.

La sua opera principale è stata la già citata Le fantastiche avventure di Kavalier e Clay, che gli ha permesso di vincere il Premio Pulitzer per la narrativa nel 2001.

Il sindacato dei poliziotti yiddish, uscito nel 2007, gli ha permesso di vincere il prestigioso Premio Hugo nel 2008.

Picard

La serie televisiva sul Capitano dell’Enterprise, Jean-Luc Picard, si preannuncia come una serie tv che avrà un grande successo di pubblico, non solo per il marchio che rappresenta, ma soprattutto per gli autori dei testi e per l’iconico attore Sir Patrick Stewart (classe 1940), che ha dato il volto al grande ufficiale interstellare.

Alessandro Maria Raffone, napoletano, classe ‘84, dopo la laurea in Scienze Storiche dell’Università Federico II, ha vinto un premio del Corso di Alta Formazione in Scienze Politiche “Studi Latinoamericani” dell’Università La Sapienza con la tesi Italia Fascista, Italiani all’estero e Sud America. Nel 2015 ha fondato l’Associazione Culturale “Heracles 2015”, la cui mission è far conoscere gli aspetti meno noti di Napoli. Ha scritto per la rivista Il Cerchio, e ha collaborato con il think thank indipendente Katehon. Sta concludendo il Dottorato di Ricerca in “Storia, culture, e saperi dell’Europa Mediterranea dall’antichità all’età contemporanea” presso l’Università degli Studi della Basilicata.