Home ALL CRONACA Cronaca Stupro in Circum: il racconto shock della vittima

Stupro in Circum: il racconto shock della vittima

153

Stupro in Circumvesuviana, la vittima racconta i momenti della violenza nella trasmissione “L’aria che tira” di La7

 Un racconto straziante quello di Marina, la giovane 24enne di Portici vittima di stupro nella strazione di San Giorgio a Cremano della Circumvesuviana.

Il Tribunale del Riesame ha stabilito la scarcerazione di Alessandro Sbrescia e Antonio Cozzolino due giovani inizialmente arrestati, mentre il terzo, Raffaele Borrelli, per il momento è ancora in stato di detenzione.

La vittima è stata ospite del programma di La 7 “L’aria che tira” condotto da Myrta Merlino raccontando i momenti della violenza subita ad inizio marzo.

http://www.la7.it/laria-che-tira/video/parla-marina-i-suoi-aggressori-liberi-ora-ho-paura-02-04-2019-267721

“Mi hanno attratto con la scusa di fumare”

Con la scusa di fumarci una canna uno dei ragazzi mi ha convinto ad andare dalle parti dell’ascensore, senza telecamere– ha esordito la ragazza-. Li ho seguiti per cortesia ma anche perché ero tentata anche se avevo una cena da amiche e volevo arrivarci lucida”.

“Il primo rapporto con Sbrescia”

Nei pressi dall’ascensore Antonio Sbrescia apre le porte e mi spinge dentro– ha continuato Marina-. All’inizio sono sola con lui  e mi obbliga ad avere un rapporto orale e vuole avere un rapporto anale ma io lo imploro di non farlo e dopo consumiamo un rapporto sessuale che io non volevo”.

“Poi arrivano gli altri”

Successivamente la porta si apre e viene incontro Antonio Cozzolino che mi ha abbracciato perchè avevo i pantaloni abbassati dato che in quello stesso istante transitava una signora– ha proseguito la 24enne-. Antonio Cozzolino entra con Raffaele Borrelli e mi spinge ad avere un rapporto orale, ma ero molto agitata infatti avevo i conati di vomito. Lui se ne è accorto, ma cambia posizione avendo un altro rapporto sessuale completo. Poi ancora Raffaele Borrelli insiste per un altro rapporto orale”.

“Ho detto di finirla”

Ho implorato loro di finirla– ha concluso la ragazza-. Non erano mai rapporti consenzienti, ma loro non finivano”.

La chiosa finale della conduttrice Myrta Merlino: “Un no è un no. Se non lo si rispetta è sempre una violenza”.

 

Avatar
Davide Ferrante, nato a Napoli in un freddo novembre 1988, nel 2011 si è laureato in Scienze della Comunicazione al "Suor Orsola Benincasa". Nello stesso anno è diventato pubblicista formandosi come giornalista sportivo. Nel 2012 ha lavorato come redattore e intervistatore occupandosi di sport, attualità e politica a "Radio Club 91". Nel 2013 ha sperimentato le forme del linguaggio televisivo collaborando con l'emittente campana "Julie Tv". Poi ha deciso di acquistare una telecamera professionale e diventare operatore video coronando il suo percorso professionale di videomaker con la qualifica professionale di "Tecnico della ripresa e del montaggio di immagini" rilasciato, nel 2016, dalla Regione Campania. Infine, nel 2018, ha partecipato al corso di regia, montaggio e sceneggiatura della scuola di cinema "Pigrecoemme" di Napoli. Tuttora lavora come videomaker free lance.