Telecamere contro il coronavirus al Galaxy Unpacked di Samsung
adv

Per il Galaxy Unpacked di New York Samsung adotterà misure di sicurezza molto severe per il coronavirus, tra cui delle speciali telecamere

Con l’epidemia di coronavirus partita dalla Cina che non sembra essere ancora in procinto di arrestarsi eventi per i quali sia prevista la massiccia partecipazione di persone provenienti da ogni parte del mondo sono, ovviamente, nel pieno dell’occhio del ciclone.

Il rischio di contagio aumenta infatti sensibilmente, tanto da spingere molti dei diretti interessati a dare forfait ad eventi importanti come il Mobile World Congress che si terrà a Barcellona. Se alcuni preferiscono evitare il rischio, però, altri studiano invece delle contromisure per poter partecipare nella (quasi) totale sicurezza. Vediamo, ad esempio, quali misure sono saranno adottate da Samsung per il Galaxy Unpacked di New York.

Le telecamere di Samsung contro il coronavirus

Il Samsung Galaxy Unpacked si svolgerà proprio oggi a New York, e le misure adottate per garantire la sicurezza degli ospiti saranno ovviamente altissime, visto l’inevitabilmente alto rischio di contagio. Ma cos’ha fatto Samsung, nello specifico, per consentire il regolare svolgimento dell’attesissimo meeting?

Parliamo di provvedimenti di vario genere, comunicati a tutti gli invitati all’evento tramite un’apposita email. In primis la misura di sicurezza più banalmente efficace: la massima attenzione all’igiene, con postazioni fornite di disinfettante che saranno collocate in varie aree della struttura che ospiterà il congresso. Lavarsi le mani, lo ricordiamo, sembrerà un atto scontato ma è il primo consiglio che viene dato dalle organizzazioni sanitarie di tutto il mondo per ridurre al minimo il rischio di contagio.

Saranno inoltre presenti delle telecamere atte a controllare la temperatura corporea degli ospiti, in linea con i controlli che stanno effettuando gli aeroporti di tutto il mondo: il provvedimento sarà dunque utile a rivelare il minimo innalzamento sospetto di temperatura onde provvedere immediatamente ad effettuare controlli che serviranno a capire se si tratterà di una situazione a rischio o di un banale scompenso.

Samsung ha comunque voluto ricordare a tutti i partecipanti all’evento che le autorità newyorkesi hanno predisposto controlli severissimi agli aeroporti, limitando gli sbarchi di tutte le persone di nazionalità non statunitense provenienti dalla Cina.

Il panico di Barcellona

Il grado di attenzione dedicato da Samsung al proprio evento non è casuale: eventi di questa portata sono infatti inevitabilmente guardati con sospetto in momenti come questo, a causa della quasi impossibilità di garantire un livello di sicurezza pari al 100%.

Un esempio ne è il Mobile World Congress di Barcellona, disertato da gran parte delle aziende che vi avrebbero dovuto prender parte tanto da far pensare ad un rinvio dell’evento a tempo indeterminato.

Samsung, fortunatamente, ha deciso di prendere in contropiede situazioni di panico di questo tipo: la speranza è che le misure adottate possano bastare ad evitare qualunque tipo di pericolo, e possano quindi fungere da esempio per futuri eventi di questo genere.