Terremoto in Calabria
Terremoto in Calabria, in provincia di Cosenza
adv

Un terremoto ha colpito la Calabria, la zona cosentina, dove per qualche ora è stata interrotta la circolazione ferroviaria

Questa mattina si è registrato un terremoto in Calabria di magnitudo 4.2. La zona colpita è quella della costa cosentina, l‘epicentro a una profondità di 267 chilometri. Non risultano danni ma, come da protocollo, sono state interrotte diverse linee ferroviarie.

Terremoto in Calabria: sospese le linee ferroviarie

L’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ha registrato, al largo delle coste cosentine, un terremoto di magnitudo 4.2. Già nei giorni scorsi si era verificata un’altra scossa, questa volta di magnitudo 3.2, a Cerisano sempre in provincia di Cosenza.

Per sicurezza la linea è stata interrotta e, in particolare, sono state sospese diverse tratte: Cetraro e Longobardi (linea tirrenica) e Paola e Bivio Pantani (linea Paola-Cosenza). Il motivo è stato dettato dalla necessità di verificare se le infrastrutture ferroviarie avessero subito dei danni. Ora sembra che tutto sia rientrato, le corse sono state riattivate, anche se, in alcuni casi, ci sono stati ritardi di quasi 100 minuti.

Rete Ferroviaria Italiana S.P.A.: il comunicato ufficiale

Rete Ferroviaria Italiana ha rilasciato un comunicato circa la sospensione e il ripristino delle corse dopo il terremoto che ha colpito la costa cosentina:

È ripresa alle 8.35, e sta tornando progressivamente alla normalità, la circolazione ferroviaria sulla linea Lamezia-Paola-Sapri, fra Cetraro e Longobardi, sospesa alle 5.50 dopo la segnalazione della Protezione Civile di un evento sismico avvenuto nei pressi di Cetraro. Alle 7.05 era invece ripresa la circolazione dei treni tra Paola e Bivio Pantani, sulla linea Paola-Cosenza, anch’essa interessata dall’evento sismico. I tecnici di Rete Ferroviaria Italiana non hanno, infatti, riscontrato alcun danno all’infrastruttura dopo la ricognizione della linea a bordo dei carrelli ferroviari, partiti dalle stazioni di Paola e Amantea. Quindici i treni coinvolti, di cui due limitati nel percorso.