Railroad travel and railway tourism transportation industrial concept: scenic summer view of high speed passenger train on tracks with motion blur effect
adv

Tra convenienza commerciali ed esigenze cautelative

Sembrava davvero strano che – nonostante sproni e severi richiami alla cautela – si potesse consentire un allentamento delle misure prudenziali proprio sui mezzi di trasporto.
I treni, inoltre, sono quelli che più inducono a spostamenti, su determinati assi viaggianti del nostro Paese.
Da Napoli Centrale a Milano Centrale, e viceversa, in circa quattro ore e trenta minuti; con la non trascurabile comodità – rispetto all’aereo – di poter prendere posto appena qualche minuto prima della partenza e di essere collegati, alle due città, in stazioni certamente non in zone periferiche.
Ripristinare, sui treni AV, le condizioni di trasposto ante pandemia, era subito apparso eccessivo.
Evidente la sproporzione proprio in un frangente in cui, da più Regioni, si ribadiva l’assoluta necessità di rispettare distanziamento sociale e misure anti-assembramento.

Una opportuna retromarcia

In un contesto che non ha nessuna certezza, circa la riapertura degli stadi e che, intanto, è ancora assolutamente avulso da qualunque previsione per quanto afferisce al settore spettacolistico, allentare il livello di attenzione, proprio nel settore dei trasporti, sembrava una mossa davvero poco accorta.
Non ci si poteva esimere dal pensare di una “rivisitazione”, in base ad esigenze commerciali; non avendo la possibilità di aumentare il numero di convogli e senza valide alternative, afferenti ad un “rafforzamento” del numero dei vagoni, la soluzione di tornare a viaggiare a pieno regime non convinceva affatto.
In effetti il Ministro della Salute – Roberto Speranza – ha diramato un’ordinanza, ribadendo l’obbligo di rispettare il distanziamento e di indossare le mascherine al chiuso.
Sono, tali vincoli, “condicio sine qua non”, per conservare la necessaria prudenza, con cui proseguire la post-pandemia.
Nessun ritorno, dunque, al cento per cento dei posti disponibili.