TNTVillage rischia la chiusura per le continue violazioni al copyright
adv

TNTVillage, il popolare sito di scambio di contenuti spesso protetti da copyright, rischia di pagare caro le continue violazioni 

[Aggiornato il 21/12/2018]

Non è un mistero che la pirateria sia stata e, ancora, in parte sia la principale fonte da cui attinga chiunque abbia un minimo di dimestichezza col web e abbia voglia di vedere un film, ascoltare una canzone, leggere un libro e chi più ne ha ne metta.

Chi è stato almeno adolescente tra il finire degli anni ’90 e gli albori degli anni 2000 ha sicuramente vissuto appieno l’epoca d’oro della pirateria online. In un momento storico in cui le attenzioni delle grandi compagnie non erano ancora rivolte al mare magnum del Web, reperire illegalmente in rete contenuti di qualunque tipo era un gioco da ragazzi.

Col passare degli anni e l’ingigantirsi del fenomeno, però, passare inosservati è stato sempre più difficile. Lungi dall’essere definitivamente debellato, dunque, al virus della pirateria tocca, oggi, combattere contro anticorpi sempre più numerosi, tra controlli più serrati, console impossibili da “modificare” e il diffondersi di servizi come Netflix, che inevitabilmente attirano a sé sempre più seguaci. Sempre più siti, che si tratti di streaming o di scambi peer to peer, si trovano dunque a dover chiudere i battenti o a dover affrontare pericolose battaglie legali. È il caso di TNTVillage.

I Robin Hood della pirateria

Fondato nel 2005, TNTVillage si presentò immediatamente come un progetto quantomeno singolare. A differenza della maggioranza dei siti da cui scaricare file con protocollo BitTorrent, infatti, lo scopo del forum non era il guadagno. Come si può ancora leggere sullo statuto presente nell’archivio del sito, i creatori di TNTVillage portavano (e, ancora, portano) avanti una vera e propria battaglia idealistica contro la legge sul diritto d’autore, a loro dire vetusta e ampiamente superata. Via libera, dunque, alla diffusione di materiale multimediale di ogni tipo, dal film al videogioco, secondo il principio dello “scambio etico”. Nobili ideali che, a dire il vero, sono stati oltremodo onorati. Per chi cercasse qualche vecchio film italiano, magari semi-dimenticato o mai rimasterizzato in formati al passo coi tempi, TNTVillage ha sempre rappresentato una vera e propria isola felice. Come accade per ogni fuorilegge, animato o meno da giusti ideali, sembra però arrivato il momento di un pericolosissimo rendez-vous con la giustizia.

Il Villaggio assediato

Non poteva, un progetto dalla mole così imponente, non attirare l’attenzione di chi di dovere. È recente, dunque, la notizia di una denuncia sporta presso il Tribunale di Milano da più di dieci grandi compagnie, tra cui Eagle Pictures, Edi Ermes, Fapav e l’Associazione Italiana Editori. L’operatore del sito, Luigi Di Liberto, parla addirittura di una perquisizione avvenuta presso il suo domicilio.

L’accusa rivolta a TNTVillage è, ovviamente, quella di diffondere illegalmente materiale protetto da copyright, infrangendo la legge in vigore sul diritto d’autore. Il forum attualmente tiene botta, ma già le prime ripercussioni cominciano a farsi sentire. È da qualche tempo offline, infatti, TNTrip, il motore di ricerca dei file Torrent associato al sito.

Al posto della solita homepage un laconico messaggio dello staff, che parla dell’impossibilità di garantire il servizio in completa sicurezza. “Non è un addio, è un arrivederci”, in chiusura del post, la malinconica promessa.

Il viale del tramonto

La legge è legge e va rispettata, che la si ritenga giusta o meno. Era dunque prevedibile che, prima o dopo, sarebbero arrivati tempi duri per la pirateria. Non si può, inoltre, non considerare un trionfo la sempre più vasta diffusione di servizi legali, come il già citato Netflix.

Altrettanto impossibile è, però, per chi ha vissuto l’epoca in cui la condivisione illegale era al suo apice, non voltarsi indietro a dare un ultimo saluto ai tempi andati. A chiunque abbia, oggi, tra i venti e i trent’anni, è comprensibile che una vena di malinconia si diffonda nell’animo osservando la caduta di un altro baluardo del download illegale.

La pirateria ha avuto, per questa generazione, un’epica al cui ricordo sarà impossibile restare insensibili. Tocca, però, guardare avanti, verso un mondo che forse offre, finalmente, un modo più facile e, soprattutto, legale di arrivare a certi contenuti. E nessuno osi dire che non sia la direzione giusta.

Ultima ora – 07/11/2018

Pare, eppure, che non sia detta l’ultima parola. I fedelissimi che, imperterriti, hanno in questi ultimi mesi continuato a ricaricare senza sosta la home di TNTVillage hanno ricevuto una graditissima sorpresa: il sito dello scambio etico sembra essere di nuovo online.

Nessuna notizia ufficiale è ancora circolata, per cui è ancora difficile essere certi di come finirà la vicenda. Una piccola luce di speranza sembra, però, essersi accesa per la più grande comunità di scambio p2p italiana.

Non resta che vigilare e attendere ulteriori novità.