Torino pedone travolto da un monopattino elettrico
adv

Singolare episodio accaduto a Torino, nel quale un pedone è stato travolto da un monopattino elettrico, è il primo incidente collegato a questo tipo di mezzo

Incidente tra le vie di Torino, tra un pedone e un monopattino elettrico.
E’ la prima volta che un sinistro stradale sia accomunato a questo tipo di mezzo a due ruote; negli ultimi giorni, tra l’altro, tali monopattini sono stati al centro delle polemiche dopo le “multe” inflitte a chi li guidava.
Conseguente la dimissione di Emiliano Bezzon: comandante della polizia municipale.

La dinamica

L’incidente, accaduto ieri, si è consumato in corso Giulio Cesare, all’altezza del civico 97; erano le ore 14:00 circa.
Lo scontro ha visto il conducente del monopattino, impattare contro una donna di 56 anni, originaria della Moldavia.
Un “frontale” avvenuto sul marciapiede, i due arrivavano da direzioni opposte.
La signora è stata portata al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco, entrando in “codice verde”.
Le ferite, lievi, l’hanno convinta (stando a quanto raccontato) a rifiutare le cure sanitarie.

Gli agenti in divisa di Torino sono subito intervenuti

La polizia municipale sta occupandosi dei rilievi e sulla “regolarità” del mezzo di trasporto: come abbiamo già detto i monopattini elettrici sono stati oggetto di discussioni e polemiche nella scorsa settimana.
Era intervenuto anche il Ministero, accertando che tali mezzi a due ruote non vanno paragonati a ciclomotori.
Deve ancora essere controllato, però, se il proprietario non abbia fatto (precedentemente) montare alcuni dispositivi di “accelerazione assistita”.
Nessuna sanzione amministrativa per il momento, nonostante la guida su marciapiede; il trasgressore è stato identificato e l’eventuale ammenda verrà recapitatagli se e quando il ministero dei trasporti deciderà la classificazione da attribuire a questi mezzi di trasporto.

Il commento di Fabrizio Ricca (Lega)

Preciso e puntuale il commento di Fabrizio Ricca: capogruppo della Lega in Sala Rossa e assessore alla Sicurezza dell’amministrazione Cirio.
Assurdo non è che ci sia stato un incidente, cosa che purtroppo era preventivabile, ma che l’amministrazione di Torino non abbia previsto una possibilità così plausibile e abbia incentivato e promosso un uso deregolamentato dei monopattini.
In questo modo Appendino e i suoi assessori hanno esposto i cittadini non soltanto al rischio di multe ma anche a quello di trovarsi a dover affrontare un sinistro stradale senza avere dalla propria alcun tipo di regolamento per il mezzo che stanno guidando.
Senza parlare poi del rischio per i pedoni – afferma il capogruppo della Lega.
Cosa capiterà, adesso, a chi si trova, come in questo caso, coinvolto da un incidente mentre guidava un monopattino?”