Trasferimento tecnologico, dal 20 gennaio le agevolazioni di Smart & Smart Italia
adv

Il Mise metterà a disposizione 90 milioni, a partire dal 20 gennaio, per le startup finalizzate al trasferimento tecnologico

Parte bene questo 2020 per le startup italiane finalizzate alla produzione di beni di carattere tecnologico: a breve partiranno infatti dei finanziamenti indirizzati proprio alle aziende neonate iscritte alla sezione apposita del registro imprese. Il progetto prende il nome di Smart & Smart Italia e prenderà il via il prossimo 20 gennaio: vediamo in maniera più dettagliata di cosa si tratta.

Trasferimento tecnologico e ricerca pubblica e privata

Smart & Smart Italia è un programma istituito con un decreto del ministro dello Sviluppo economico il 24 settembre 2014 con lo scopo di agevolare tutte quelle imprese che vogliono investire in settori di primaria importanza come quello dello sviluppo di nuove tecnologie, del trasferimento tecnologico e della ricerca pubblica e privata.

Saranno ritenuti ideonei alle agevolazioni i piani di impresa aventi ad oggetto la produzione di beni e la distribuzione di servizi dal significativo contenuto tecnologico e innovativo, o che sviluppino prodotti servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale, dell’intelligenza artificiale, della blockchain e dell’internet of things. Ancora, potranno usufruire del programma anche quelle aziende che provvedano alla valorizzazione economica dei risultati della ricerca pubblica e privata.

Una circolare diffusa lo scorso 16 dicembre ha definito i nuovi criteri e modalità di presentazione delle domande, che potranno essere presentate unicamente dalle startup innovative, localizzate su tutto il territorio nazionale e iscritte nell’apposita sezione speciale del registro imprese.

Tali startup dovranno esser state costituite non più di 60 mesi prima della data di presentazione della domanda e dovranno comunque esser classificate come di piccola dimensione.

Non soltanto: a presentare domanda per le agevolazioni di cui sopra potranno essere anche le persone fisiche che intendano dar vita ad una startup: in tal caso, però la costituzione dell’impresa dovrà avvenire entro e non oltre 30 giorni dall’ammissione al programma (e non, quindi, dalla presentazione della domanda). Ma di che fondi stiamo parlando?

90 milioni di euro per Smart & Smart Italia

Un’opportunità interessante, dunque, ma di quanti fondi si parla concretamente? Bene, Smart & Smart Italia avrà a disposizione fondi fino a 90 milioni di euro destinati a finanziare piani d’impresa di valore compreso tra i 100mila euro e gli 1,5 milioni di euro.

Le startup che presenteranno richiesta di finanziamento potranno beneficiare di un finanziamento agevolato senza interessi di valore pari ad un massimo dell’80% delle spese ammissibili.

L’importo del finanziamento potrà salire al 90% nel caso in cui la startup sia interamente costituita da donne, giovani di età non superiore a 35 anni o preveda la presenza di almeno un esperto con titolo di dottore di ricerca conseguito non più di sei anni prima della richiesta e impegnato stabilmente all’estero in attività di ricerca o didattica da almeno un triennio. Il finanziamento durerà fino ad un massimo di 10 anni. Per le aziende del sud Italia, inoltre, sarà previsto un fondo perduto del 30%.