Twitter
Regole diverse a seconda di chi scrive un tweet
adv

Twitter, nei confronti dei leader mondiali, adotta un regolamento sui contenuti più leggero se nella pubblicazione c’è un chiaro valore di interesse pubblico

Molti utenti Twitter hanno chiesto dei chiarimenti sulle condizioni d’uso del social e sulla differente politica riguardo la pubblicazione dei contenuti tra i leader mondiali e le persone comuni. Su una nota apparsa sul proprio blog, Twitter ha voluto precisare alcune cose.

Leader mondiali su Twitter: un approccio più soft

Per i leader mondiali le regole sulla pubblicazione dei contenuti sono più leggere rispetto alle persone comuni, ecco le motivazioni:

Quando si tratta delle azioni dei leader mondiali su Twitter, riconosciamo che si tratta di un terreno in gran parte nuovo e senza precedenti. La nostra missione è fornire un forum che consenta alle persone di essere informate e di coinvolgere direttamente i loro leader. Valutiamo i tweet segnalati dai leader mondiali rispetto alle Regole di Twitter, che sono progettati per garantire che le persone possano partecipare alle conversazioni pubbliche liberamente e in sicurezza. Attualmente, le interazioni dirette con i personaggi pubblici, i commenti su questioni politiche, economiche o militari non sono generalmente in violazione delle Regole di Twitter.”

Il passaggio più importante, però, è il seguente: Tuttavia, se un tweet di un leader mondiale viola le Regole di Twitter ma vi è un chiaro valore di interesse pubblico nel mantenere il Tweet sul servizio, lo potremmo inserire dietro a un avviso che avverte della violazione, permettendo agli utenti di vedere il contenuto cliccandolo.

I tweet che verranno subito cancellati

Nel comunicato, Twitter ha voluto poi chiarire che gli account dei leader mondiali non sono al di sopra delle regole del social e mette in evidenza le tipologie dei tweet che verranno immediatamente cancellati, ecco i casi di violazione:

  • Promozione del terrorismo;
  • Minacce chiare e dirette della violenza contro un individuo;
  • Pubblicare informazioni private, come un indirizzo di casa o un numero di telefono personale non pubblico;
  • Pubblicare o condividere foto o video intimi di qualcuno che sono stati prodotti o distribuiti senza il loro consenso;
  • Comportamenti relativi allo sfruttamento sessuale dei minori;
  • Incoraggiare o promuovere l’autolesionismo.
Avatar
Nato a Napoli nel 1983, Francesco De Fazio consegue, con lode, la laurea magistrale nel 2012 in “Comunicazione pubblica e d’impresa” presso l'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e nel 2013, presso lo stesso ateneo, si specializza come “Esperto nell’orientamento scolastico, universitario e professionale”. Nel 2011 ha svolto un tirocinio presso l’Ufficio stampa del Provveditorato alla Opere Pubbliche Campania e Molise, ma la passione del giornalismo continua nel corso degli anni continuando a scrivere per vari giornali online. L’esperienza più significata inizia nel giugno 2012 dove lavora presso il Servizio di Orientamento e Tutorato del Suor Orsola Benincasa. In qualità di Consulente all’Orientamento ha svolto attività di: consulenza e colloqui di orientamento didattico e professionale, promozione di Ateneo, gestione social network, tutor d’aula.