adv

Un mitra, una carabina, 6 pistole e 350 munizioni. Maxi sequestro dei Carabinieri. Rinvenuta anche cocaina

Un vero e proprio arsenale da guerra quello rinvenuto a Brusciano dai Carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale di Napoli.

Armi e munizioni, ma anche droga, nascoste in una cassaforte occultata in uno scantinato nel rione 219 di Brusciano: 6 pistole semiautomatiche di vario calibro, una pistola mitragliatrice, una carabina con silenziatore e 350 proiettili di svariati calibri.

Con le armi anche quasi 700 grammi di cocaina e materiale vario per il confezionamento.

Le armi, sequestrate a carico di ignoti, saranno sottoposte ad accertamenti balistici e dattiloscopici per verificare se siano state utilizzate in fatti di sangue o intimidazioni.

Durante il servizio sono state denunciate cinque persone: una per evasione, tre per ricettazione e possesso ingiustificato di strumenti di effrazione, una per detenzione di strumenti atti ad offendere.

I controlli continueranno senza sosta anche nei prossimi giorni con la rimozione di alcune grate che, secondo le ricostruzioni hanno permesso di spacciare al dettaglio in forma occulta lo stupefacente senza che acquirenti e pusher potessero vedersi.