adv

La start up dei sapori autentici, rivoluzionaria e rispettosa dell’ambiente

Abiti in una città grande e industriale: dove il verde e l’agricoltura, diciamo, non trovano grande spazio. È difficile, quindi, trovare in circolazione prodotti naturali, magari coltivati e raccolti da contadini affidabili, rispettosi di ambiente e salute. Come fare per non impazzire? Quale può essere la soluzione per mangiare sano?

La creatività di tre giovani

A Milano hanno escogitato il rimedio, ma rivolgendosi al Sud. Ovvero avvalendosi della laboriosità e dei sapori autentici del Meridione. La frutta fresca oggi arriva direttamente dai campi della Puglia a Milano. Grazie a Froot, una start up ideata da tre ragazzi ingegnosi: Stefano Franchini, Emanuele Vita e Sandro Todaro. La loro avventura imprenditoriale si presenta da subito come un unicum (o almeno una rarità), perché garantisce un rapporto pressoché diretto fra produttore e consumatore. Non è poco, considerata la distanza che intercorre tra il tacco dello stivale e la Lombardia!

Consegna gratuita

Meno di 48 ore: è questo il tempo record impiegato da frutta e verdura per raggiungere il profondo Nord da regioni come Puglia, Calabria e Sicilia. Quel che rende la durata del viaggio stupefacente è la categorica rinuncia a passare dalla grande distribuzione: in pratica, i prodotti vengono consegnati ai clienti gratuitamente, con una caratteristica apecar targata Froot –. La scelta del veicolo non è casuale, ma celebrativa dei piccoli e agili mezzi che ancora vendono la frutta nei paesi di provincia. Fra le altre cose, Froot rispetta l’ambiente, perché elimina le confezioni di plastica.

«Abbiamo scelto Milano perché è una città multietnica e che si presta bene – spiega l’ingegnere Franchini –: le persone non badano a spese quando si tratta di prodotti del Sud di alta qualità. Froot è pronta alla rivoluzione: la start up ha raggiunto i 5mila euro necessari per il lancio sulla piattaforma di crowdfunding Eppela, e Postepaycrowd ha aggiunto altri 5mila euro. A breve avrà anche l’app per fare i propri ordini online».

I miei genitori mi diedero due nomi, Giovanni e Luca: idea elegante, ma poco pratica. Per fortuna, rimediarono soprannominandomi in modo più semplice Gianluca. Ho 38 anni e sono un ragazzo della provincia: Palma Campania, precisamente; scoprire dove si trovi è una sfida avvincente. La mia attività principale è subire le conseguenze dell'essermi abilitato giornalista professionista. Dopo aver maturato alcune esperienze in redazioni radio e TV, oggi scrivo di spettacoli, televisione e teatro principalmente, sebbene ami molto di più il cinema: l'importante nella vita è fare scelte coerenti. Per PSB Privacy e Sicurezza, mi occupo di tecnologia e video game, mantenendo l'obiettivo di informare e, nel contempo, aprire una finestra di aria fresca e leggera sulle notizie.