Vaccinazioni
Dati positivi sulle vaccinazioni in Italia
adv

Dati positivi per la copertura vaccinale in Italia nel 2018, solo il morbillo è lontano dall’obiettivo del 95%

La Direzione generale della prevenzione sanitaria del ministero della Salute, ha pubblicato i dati sulle coperture per le vaccinazioni nel 2018. I dati sono positivi, si è verificata una crescita rispetto al 2017 ma non mancano delle criticità.

Vaccinazioni: i dati del Ministero

Nella maggior parte delle Regioni la copertura a 24 mesi contro la polio (malattia acuta, virale, altamente contagiosa) supera la soglia minima raccomandata dall’OMS – Organizzazione mondiale della sanità, pari al 95%, e Valle d’Aosta e la provincia autonoma di Trento sono prossime all’obiettivo. Non mancano tuttavia alcuni dati negativi, in particolare Friuli Venezia Giulia, Marche, Sicilia e Veneto hanno una copertura sotto soglia e la provincia di Bolzano è molto lontana dall’obiettivo (83,33%).

Se per la polio, comunque, la situazione è sotto controllo, per altre malattie come il morbillo, la parotite e la rosolia, nonostante gli aumenti rispetto all’anno precedente, siamo lontani dall’obiettivo del 95% in tutte le fasce di età considerate.

Vediamo adesso nel dettaglio la copertura nazionale.

Le coperture

La copertura nazionale a 24 mesi (per i bambini nati nel 2016) nei confronti della polio raggiunge il 95% (95,09%), guadagnando un +0,48% rispetto al 2017, con 14 Regioni che superano il 95%.

La copertura per la prima dose di vaccino contro il morbillo arriva solo al 93,22% (con un +1,38% rispetto all’anno precedente) a fronte del 95% necessario per eliminare la malattia.

Migliorate le coperture vaccinali nazionali a 36 mesi (relative ai bambini nati nell’anno 2015) e quelle a 48 mesi (bambini nati nel 2014), rilevate per verificare le attività di recupero nei bimbi inadempienti: l’anti-polio passa da 93,33% a 96,01% e l’anti-morbillo da 87,26% a 94,93%, con un guadagno rispettivamente del +2,68% e del +7,67%.

Riguardo alle vaccinazioni in età pre-scolare, generalmente somministrate a 5-6 anni (bambini nati nel 2011), si registra un +2,01% per la quarta dose di anti-polio e un +3,47% per la seconda dose di anti-morbillo. Ottimo incremento per i nati nel 2010 e leggero miglioramento anche per i sedicenni e per i diciottenni.

Questi risultati sono incoraggianti, ma c’è ancora molto da fare soprattutto per dissolvere i dubbi sull’efficacia e sulla sicurezza dei vaccini.

 

Avatar
Nato a Napoli nel 1983, Francesco De Fazio consegue, con lode, la laurea magistrale nel 2012 in “Comunicazione pubblica e d’impresa” presso l'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli e nel 2013, presso lo stesso ateneo, si specializza come “Esperto nell’orientamento scolastico, universitario e professionale”. Nel 2011 ha svolto un tirocinio presso l’Ufficio stampa del Provveditorato alla Opere Pubbliche Campania e Molise, ma la passione del giornalismo continua nel corso degli anni continuando a scrivere per vari giornali online. L’esperienza più significata inizia nel giugno 2012 dove lavora presso il Servizio di Orientamento e Tutorato del Suor Orsola Benincasa. In qualità di Consulente all’Orientamento ha svolto attività di: consulenza e colloqui di orientamento didattico e professionale, promozione di Ateneo, gestione social network, tutor d’aula.