Selfie
adv

Il primo museo al mondo completamente dedicato ad Instagram e ai selfie apre a Vienna, dove “social” e “arte” diventano le parole d’ordine

Nasce a Vienna il No Filter Museum, il museo dei selfie, completamente dedicato ai famosissimi scatti fotografici, con lo scopo di avvicinare i giovani all’arte.

selfie

Il museo dei selfie

Più che un vero e proprio museo, si tratta di un grandissimo spazio allestito, entro cui si possono trovare le più svariate postazioni per scattare selfie. Sfondi, stampe, gadget, colori, tappeti, sedie, palloncini, specchi, accessori. Di tutto un po’, insomma, per ricreare gli scatti migliori. Un mondo incantato per blogger ed influencer, che fanno dei loro scatti un vero e proprio business su Instagram. Composto da 24 stanze o, per meglio dire, 24 postazioni, il museo permette ai visitatori di diventare vere e proprie opere d’arte, diventandone protagonisti. Un’esperienza unica, da vivere tutto d’un fiato, o almeno fino a che il museo sarà aperto: essendo un temporary museum, i visitatori avranno 6 mesi di tempo per potervi prendere parte.

 

Il museo del futuro

Un’iniziativa particolare, dunque, che servirà ad avvicinare i giovani all’arte, passando per i social e tutto ciò che ne concerne, in uno spazio prettamente under 30. “Il numero di giovani che visita musei è drasticamente crollato, quindi stiamo cercando di combattere questo fenomeno usando proprio i social media”, ha spiegato Petra Scharinger, co-founder del No Filter Museum. “Preferiscono vivere online invece di interagire con il mondo reale. Anche se non tocca a noi educarli, oggi la gente trascorre molto tempo sul proprio dispositivo mobile. Così abbiamo pensato di combinare questa abitudine con qualcosa di concreto, un’esperienza divertente. Questo è il museo del futuro” ha affermato.