Campania, si riapre a breve? Ecco le prospettive
Vincenzo De Luca
adv

Per impedire la diffusione da Covid-19, la Campania di Vincenzo De Luca vieta la vendita di alcolici con asporto dalle 22.00 e il consumo, nelle aree pubbliche, dalle 22.00 alle 06.00

Il Governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha deciso di tirare dritto e di fare tutto ciò che ritiene opportuno per evitare il diffondersi del contagio del Coronavirus

In queste ore, infatti, ha firmato un’ordinanza, la numero 53, che certamente farà discutere. 

Stretta sulla vendita di alcolici

In questo documento ampio spazio è stato dato al consumo notturno di alcolici Le bevande alcoliche, non importa la gradazione, non potranno essere vendute, dalle 22.00 in poi, dagli esercizi commerciali (bar, supermercati, ristoranti, pub, vinerie, distributori automatici e chioschi). 

Queste ultime, inoltre, non potranno essere consumate nelle aree pubbliche dalle 22.00 alle 06.00. Questo divieto comprende anche le zone aperte al pubblico, quali ville e parchi. 

Il perché di questa decisione di Vincenzo De Luca

I fatti occorsi nello scorso weekend, 22-24 maggio, con ragazzi a bere uno sull’altro in diverse zone della città e fino a tarda ora hanno rappresentato la causa scatenante di questa dura, ma forse necessaria, decisione, avvenuta dopo aver consultato anche le Camere di Commercio

Quando possono chiudere gli esercizi commerciali?

Pasticcerie, vinerie, chioschi e baretti possono aprire dalle 17.00 ma dovranno chiudere entro e non oltre le 01.00 del mattino. Dopo le 22.00, questi esercizi commerciali potranno servire solo ai tavoli o al banco. 

Invece, nessuna limitazione, nell’orario di chiusura, per quanto riguarda pizzerie, pub e ristoranti.