ho.
adv

Ho. è l’ultimo operatore low-cost messo sul mercato dalla compagnia telefonica per contrastare l’avvento dell’azienda francese

“Ho tutto chiaro” anzi Ho.; con questo motto Vodafone ha deciso di scendere in campo, visto che siamo in clima Mondiali di calcio, con nuovi servizi raccolti in questo nuovo marchio. La scelta dell’azienda anglosassone, con sede a Londra, è scaturita dopo l’avvento sul mercato italiano di Iliad, aziende francese da poco presente anche nella nostra penisola.

Aldo Bisio, manager della sede italiana di Vodafone, è a capo di un gruppo che nel corso degli anni ha visto al timone personalità di spicco come Margherita Della Valle e Vittorio Colao. L’azienda, inoltre, è sempre stata all’avanguardia nell’ambito della telefonia mobile tanto da aver lanciato la fibra per la linea fissa e adesso, dopo lo scossone che ha subito il mondo del mobile in Italia, è pronta per commercializzare un operatore low cost quale Ho.

Ho. contro Iliad: quale offerta presenta il nuovo operatore low-cost Vodafone?

Iliad si è presentato sul mercato con una super proposta per gli utenti (che ha portato le altre compagnie a studiare una contromossa): 5,99 euro al mese per un pacchetto comprendente minuti illimitati, SMS illimitati e 30 GB per la navigazione in 4G. Vodafone con Ho., invece, ha deciso di puntare su un’offerta molto simile a quella dell’azienda francese ma con l’unica differenza relativa al costo di attivazione.

Risultati immagini per iliad vs ho.

Con Ho. di Vodafone, infatti, la promozione costerà 6,99 euro, uno in più rispetto ad Iliad, ed offrirà minuti illimitati e 30 GB di Internet, sempre ovviamente in 4G. Molti potrebbero storcere il naso di fronte a questa scelta, considerando che la società francese ha un costo mensile inferiore, però bisogna precisare che questo nuovo operatore low-cost si appoggia alla rete Vodafone 4G, sinonimo di garanzia per la ricezione delle chiamate.

Oltre ad Iliad anche Fastweb subisce l’attacco di Vodafone

Con questo operatore low-cost, Ho. appunto, Vodafone ha messo in crisi anche altre compagnie telefoniche, i cosiddetti Mvno (operatori senza una propria rete), come Fastweb che, costretta ad appoggiarsi alle infrastrutture di proprietà di Tim, vede in Ho. una concorrenza molto forte e difficile da battere.

Il problema principale dei Mvno, come Iliad, è che non avendo una propria rete, un call center, un servizio clienti e una copertura risulta estremamente complicato acquisire e fidelizzare clienti di fronte ad offerte come quella di Vodafone con Ho. Il motivo è molto semplice: un utente preferirà pagare un euro in più al mese ed avere la certezza di essere con un operatore efficiente e pronto al problem solving qualora dovessero presentarsi problemi di linea o simili.

Aumenta la concorrenza in Italia: in poco tempo con Ho. ci saranno oltre sette operatori telefonici

Con Ho. di Vodafone si arricchisce il panorama nazionale italiano degli operatori telefonici; in poco tempo, infatti, in Italia ci saranno oltre sette opzioni per gli utenti: Tim e Kena, Wind con 3 Italia, Vodafone con Ho., Iliad, Fastweb, Poste e Coop Voce. La concorrenza, quindi, sembra veramente spietata e per i Mvno la situazione non è affatto semplice.

Risultati immagini per operatori telefonici italiani 2018

Naturalmente per i grandi colossi come Tim, Vodafone e Wind non ci saranno problemi mentre per tutti gli altri si. Nel caso di Ho., però, il futuro potrebbe essere roseo perché l’operatore low-cost dovrebbe puntare sulla fetta di mercato più giovane in modo tale da sottrarre quanti più clienti a Xavier Niel, proprietario di Iliad e Alberto Calcagno, amministratore delegato di Fastweb.

Si vedrà, quindi, se Ho. riuscirà ad affermarsi nel campo della telefonia mobile italiana e se la scelta di Vodafone di lanciare sul mercato questo nuovo operatore risulterà vincente.