Vulcanus il lussuoso MPV targato Italdesign
adv

Arriva Vulcanus: il Monovolume che si ispira al Mercedes V260L, realizzato da Italdesign e Xingchi Automobilies

Tutti conoscono la casa tedesca Mercedes-Benz, nota per eleganza, prestazioni e stile.
Lo storico marchio, da anni, produce veicoli di ogni segmento: non solo berline, ma anche grandi Monovolumi, come quelli della “Classe V”.
Ed è questa la base di partenza che ha ispirato Italdesign e Xingchi Automobilies: parliamo del Mercedes V260L.
Da qui nasce il Vulcanus: un monovolume top di gamma, nel quale sono stati curati tantissimi dettagli, all’insegna del lusso.

Le caratteristiche

Filippo Perini, a capo del team di designer, ha saputo far coniugare alla perfezione il concetto di stile e lusso tra interni ed esterni del Vulcanus.
L’ingresso, tramite porte scorrevoli elettriche su entrambi i lati, è molto comodo; due linee di cintura attraversano la base delle fiancate fino al posteriore del veicolo.
Alcune grafiche e lo stile dei finestrini creano un bell’effetto ottico, sulla parte anteriore è presente un LED triangolare che unisce il logo Mercedes ai gruppi ottici, fino ai lati del frontale.

Gli interni

Il progetto degli interni del Vulcanus prevede due capisaldi: materiali raffinati e una grande tecnologia.
Tutto ciò per far vivere una bellissima esperienza a guidatore e passeggeri; confortevole e di classe.
Le rifiniture in legno, i materiali in vera pelle e gli schermi hd compongono il design degli Vulcanus il lussuoso MPV targato Italdesigninterni.
Spazio anche alle ultime tecnologie: tv hd, vetri oscurabili tra zona guidatore e zona passeggeri, pareti divisorie e sensore di riconoscimento di impronte digitali.
Il controllo avverrà tramite un sistema installato nel bracciolo dei due sedili business.
I sediolini sono totalmente personalizzabili e flessibili, configurabili in base a numero e necessità dei passeggeri.

L’impronta di Xingchi

Forte della collaborazione con il gruppo cinese, il Vulcanus è destinato ad imporsi sul mercato mondiale, come spiega Perini, infatti: “Xingchi ci ha però chiesto di donare quel “qualcosa in più” per trasformare quello che è già un veicolo interessante in un mezzo unico: un ambiente su ruote lussuoso, prestigioso, altamente tecnologico ed al contempo elegante. Abbiamo leggermente modificato alcuni elementi degli esterni e completamente rivoluzionato l’abitacolo, utilizzando materiali di lusso, tecnologie di ultimissima generazione ed aggiungendo il nostro tipico stile italiano”.
L’importantissima collaborazione con la Xingchi Automobiles lascia, dunque, molte prospettive per il 2019 (e grandi basi da cui ripartire dal 2018) per Italdesign.