whatsapp novità su messaggi audio
adv

Il servizio di messaggistica più famoso al mondo si migliora ancora, intervenendo su proprio su quello che è ritenuto uno dei suoi punti di forza: i messaggi audio. Aggiornamenti continui che si traducono da un lato in una battaglia serrata con la concorrenza, dall’altro in vantaggi per gli utenti.

Che WhatsApp sia la piattaforma per la messaggistica istantanea più utilizzata e famosa al mondo è ormai un dato di fatto.

Se è vero che la concorrenza di altri sistemi come Telegram ha diviso almeno in parte il mercato, è anche vero che WhatsApp continua ad avere una posizione dominante in quello che è ormai il canale per eccellenza della comunicazione di massa.

Aggiornamenti continui sulla messaggistica audio

Uno dei motivi è senz’altro la capacità di aggiornarsi, di andare incontro alle nuove esigenze, di progettare nuovi servizi che possano agevolare l’utenza, prima ancora, a volte, che questa si renda conto della necessità e dell’importanza di queste migliorie.

È accaduto per esempio, qualche tempo fa, con la funzione di “blocco” dei messaggi audio. Molto apprezzata dagli utilizzatori di WhatsApp è stata infatti la possibilità di fermare la registrazione (in caso di messaggi di lunga durata) e di poter quindi procedere a parlare senza dover mantenere il dito sullo schermo.

Messaggi multipli ascoltabili consecutivamente

Sempre a proposito di messaggi audio oggi arriva un’altra novità, che dimostra come WhatsApp, nonostante la posizione sul mercato, sia ben consapevole della necessità di investire sulla ricerca e sul miglioramento del servizio, e per questo fornisca ai suoi utenti dei continui aggiornamenti.

In questa circostanza, a beneficiare dell’aggiornamento saranno soprattutto gli utenti della piattaforma iOs, anche se già in altre occasioni è accaduto che le novità di WhatsApp arrivassero prima a loro per essere sperimentate e poi venissero estese a tutti. In questo momento, però, saranno loro gli unici a disporre di una soluzione in più rispetto agli altri.

La novità riguarda ancora una volta le note audio, che noi tutti utilizziamo di frequente, soprattutto per comunicazioni lunghe, o quando necessitiamo di uno scambio “botta e risposta” con chi è – è il caso di dirlo – dall’altro lato dell’apparecchio.

Da oggi, solo per chi utilizza un sistema iOs, ma a breve, con molta probabilità, per tutti, sarà possibile ascoltare più note audio arrivate in successione all’interno della stessa chat, in continuità, ovvero senza interruzione, e senza dover premere nuovamente sul pulsante “play”.

Investimento e ricerca: la “guerra” alla concorrenza

Questo genere di piccole migliorie, che per noi utenti non sono altro che un incremento di qualità all’interno del servizio che ci viene offerto, sono però parte di un percorso di investimenti in ricerca e aggiornamento da parte dell’azienda, ma anche di una sottile (e nemmeno troppo) guerra di posizione con la concorrenza.

Ognuno di questi piccoli cambiamenti è infatti da inquadrare come tentativo di dare un colpo alla concorrenza all’interno di un mercato che, ben lungi dall’essere saturo, vive di continue oscillazioni. Se con il suo miliardo e mezzo di utenti, infatti, WhatsApp continua a essere il servizio di messaggistica più utilizzato al mondo, è anche vero che i dirigenti dell’azienda non possono non essere preoccupati della crescita del diretto concorrente, quel Telegram di cui abbiamo parlato in precedenza e in altre occasioni.

La strategia, da questo punto di vista, è chiara: ben lungi dal cercare di colmare le lacune rispetto ai punti di forza del concorrente (per esempio, nel caso di Telegram, l’affidabilità in termini di privacy e segretezza dei messaggi) si cerca di rafforzarsi per quanto riguarda i propri.

WhatsApp ha scelto di farlo migliorando un servizio su cui era già intervenuto in precedenza, ovvero quello della messaggistica istantanea. Si tratta di una guerra “al miglioramento” che naturalmente non può che andare a vantaggio di noi utenti, che rimaniamo dunque in attesa degli sviluppi della prossima “battaglia”.