Wikipedia: il perché delle immagini oscurate
adv

12 settembre 2018: Oggi si vota la direttiva sul copyright europea, a tal proposito Wikipedia ha deciso di oscurare le foto utilizzate nelle voci dell’enciclopedia online, ecco il motivo

11-12 settembre 2018: Wikipedia ha pubblicato un avviso che recita: “Abbiamo bisogno del tuo aiuto. Ogni giorno i volontari di Wikipedia incontrano ostacoli nella loro missione di rendere la conoscenza accessibile a chiunque Questo mercoledì oscureremo le immagini per ricordare che oggi, 12 settembre, il Parlamento europeo potrà decidere se approvare la #LibertàDiPanorama e permetterci di aggiungere foto ora vietate di palazzi e monumenti recenti. Fai sentire la tua voce per sostenere la cultura e la creatività in Unione europea e nel mondo. Grazie”.

Perché questa scelta

Il tutto per cercare di salvaguardare la diffusione a livello mondiale di città, monumenti, luoghi di culto e quant’altro.
Alcune foto sono attualmente censurate e bandite dall’UE e per dare un segnale forte ha scelto di attuare questa silenziosa protesta.
Oggi, 12 settembre 2018, prosegue la “battaglia” dell’enciclopedia online contro le attuali leggi sul diritto d’autore.
Il Parlamento Europeo oggi vota, per l’appunto, la direttiva sul copyright.

Wikipedia e le precedenti dispute con l’UE

Questa lotta riguardante la #libertàdipanorama non è l’unica scaramuccia tra Wikipedia e l’Unione Europea.
Appena qualche mese fa, per rispondere alle leggi comunitarie riguardanti il diritto d’autore, il sito fu oscurato, suscitando sgomento tra i lettori.
All’epoca il soggetto della protesta era l’articolo 13, che obbliga ad un controllo preliminare ogni contenuto in pubblicazione sull’enciclopedia, mentre oggi è per ovviare al pericolo che venga vietata la libertà di panorama.

Libertà di Panorama

Ma di cosa stiamo parlando precisamente? Con questo termine si intende la libera divulgazione di foto e video ritraenti determinate opere d’arte, palazzi storici e pubbliche sculture, senza intaccare però i diritti d’autore degli stessi.
In varie nazioni europee, proprio come l’Italia, il regolamento sul copyright prevede ancora questa direttiva.
Nonostante tutto, però, nei paesi dell’UE molti artisti sono favorevoli e contenti di veder pubblicati, gratuitamente, foto o un video delle proprie opere d’arte.