Women in technology
adv

Sono 14 i progetti finalisti del programma “Women in Technology”, promosso da Fondazione Mondo Digitale e Costa Crociere Foundation.

Si tratta di un progetto che ha coinvolto qualcosa come 200 studentesse provenienti da Campania, Calabria, Sicilia e Lazio e si è concluso lo scorso febbraio, con la presentazione delle migliori 14 idee imprenditoriali e dei primi prototipi di prodotti, giudicati da una giuria di professionisti ed esperti.

Tra queste idee trovano posto anche il giubbotto che si riscalda con il freddo e si raffredda con il caldo, gli auricolari con barometro interno per regolare e diminuire gli sbalzi di pressione in montagna o in aereo, e ancora un sistema per ridurre l’ingombro di due valigie in una sola, oppure il passeggino portatile che si chiude come una borsa.

Women in Technology a sostegno dell’imprenditoria femminile

Il programma “Women in Technology” è stato promosso con lo scopo di sostenere l’imprenditoria giovanile femminile nell’ambito delle nuove tecnologie, in particolar modo in quelle regioni, le meridionali, nelle quali il tasso di disoccupazione giovanile è inevitabilmente più alto, come spiega Mirta Michilli, direttrice generale della Fondazione Mondo Digitale. In alcune regioni del Sud – sottolinea – lavorano solo tre giovani su dieci. Con il modello di “Educazione per la vita” sviluppiamo competenze trasversali di autoimprenditorialità, consapevolezza di sé e problem solving per preparare le nuove generazioni ad affrontare con successo il mondo del lavoro”.

Le studentesse che hanno partecipato a questo programma hanno lavorato oltre un anno con lo scopo di sviluppare un’idea di impresa, realizzare prototipi e migliorare l’esperienza di viaggio degli individui. Per riuscire a coprire i costi di realizzazione dei prodotti è stato fondamentale il ricorso al crowdfunding, la raccolta fondi “sociale” che va tanto di moda negli ultimi anni. Davide Triacca, segretario generale della Costa Crociere Foundation, è particolarmente soddisfatto per la qualità delle idee che le partecipanti al programma hanno “partorito”: “I progetti e le idee presentate – evidenzia – sono straordinariamente innovative e piene di potenziale.

Rimarranno un bagaglio inestimabile che tutte le 200 ragazze porteranno con loro e useranno con successo nella costruzione del proprio futuro lavorativo e personale; magari proprio in un settore in forte crescita come quello crocieristico”.

Women in Technology: crowdfunding ed esposizione

Le idee e i prototipi delle 14 studentesse finaliste sono state presentate a bordo della nave da crociera Costa Diadema, attuale ammiraglia della compagnia genovese, che è salpata dal porto di Palermo il 16 febbraio. Assieme ai progetti delle finaliste, sono stati mostrati anche i prodotti e le app per dispositivi mobili dedicate al turismo.

L’esposizione a bordo della nave Costa Crociere è stata organizzata con lo scopo di trovare finanziatori o aziende interessate a produrre ciò che le ragazze fin qui hanno potuto solo ideare e progettare.

Non è da escludere che, da queste idee infatti, non vengano fuori i prodotti tecnologici che ci renderanno la vita più semplice in un futuro molto prossimo.