Yu2
Yutu-2
adv

Tanti hanno fantasticato sul lato oscuro della Luna e finalmente il rover cinese Yutu-2 invia le foto della parte non visibile ad occhio nudo.

Yutu-2 e Chang’e-4

Il rover cinese Yutu-2, che in cinese prende il nome di “coniglio di giada”, ha percorso i primi passi sulla superficie nascosta del suolo lunare. Il percorso è stato immortalato dalle foto che sono state scattate dalla sonda Chang’e-4, che le ha poi rigirate sulla Terra all’agenzia spaziale cinese CNSA. Per effettuare questa trasmissione, si è reso necessario l’utilizzo dello speciale ponte radio operato dal satellite cinese Queqiao, in orbita tra la Terra e la Luna. La sonda, trovandosi sul lato nascosto della luna, ovvero quello che, da sempre, è stato inaccessibile all’occhio umano, è impossibilitata ad effettuare una comunicazione diretta con la Terra e si è reso necessario l’utilizzo di un ulteriore operatore di trasmissione.

Il compito del rover e della sonda

Attualmente, Yutu-2 sarà impegnato nella raccolta di dati sul suolo e le rocce presenti sul satellite ed all’interno della Luna stessa, mentre la sonda Chang’e-4, che già aveva inviato nei giorni scorsi le immagini, ha installato antenne radio a bassa frequenza per ascoltare e tracciare segnali radio.

Il lato nascosto della Luna

Tanto si è fantasticato a proposito del volto che la Luna non ha mai mostrato ad occhio umano. Proprio questo fascino misterioso ha fatto sì che la fantasia scorresse libera nei cuori degli artisti, ispirando molte e differenti “creazioni”, dalla musica alla pittura, ai disegni, ai romanzi, passando, in versioni più recenti, per film, fumetti e videogiochi. “Dark Side of the Moon” cantavano i Pink Floyd e la Marvel ricamava storie su fantomatiche popolazioni che abitano nel lato non visibile del nostro satellite. Forse, ora, tutta questa fantasia, essendo il mistero risolto, andrà a scemare, ma non resta che celebrare un altro “piccolo passo per l’uomo, ma un grande passo per l’umanità”.