Home Tecnologia Zeropack produrrà bioplastiche naturali e al 100% degradabili

Zeropack produrrà bioplastiche naturali e al 100% degradabili

208

La società Zeropack, realizzerà piccoli e grandi contenitori, pellicole, cassette, supporti ed etichette completamente naturali e biodegradabili, derivanti soprattutto dalla lavorazione degli scarti di frutta e verdura

La Zeropack fondata dalla Bio-On, società attiva nel settore delle plastiche ecosostenibili è stata recentemente oggetto di un accordo commerciale con la Rivoira, azienda leader nel settore della produzione e distribuzione mondiale di frutta, che ne ha acquistato il 50%. L’accordo tra le due società nasce dall’esigenza di sfruttare i brevetti su i nuovi materiali ecologici per il confezionamento alimentare di frutta e verdura fresche. Per assicurarsi la leadership in tale settore la Zeropack ha acquisto dalla Bio-On la licenza esclusiva per lo sfruttamento di questa nuova tecnologia pagando il brevetto ben 10 milioni di euro.

Come funziona questa nuova tecnologia

Il brevetto della Bio-On, acquistato dalla Zeropack, prevede che tutte le bioplastiche realizzate dalla società derivino da fonti vegetali rinnovabili (PHAs o poli-idrossi-alcanoati e PHBs o poli-idrossi-butirrato), la produzione di queste bioplastiche oltre a limitare il consumo di plastica inquinante ha il vantaggio di non entrare in competizione con le filiere alimentari  e di garantire un sistema ecosostenibile.

L’importanza di ridurre l’impatto ambientale dei rifiuti plastici

La mole di rifiuti plastici che sta inquinando il nostro pianeta ed in particolare i nostri mari ha portato i grandi del mondo ad un’inversione di rotta sull’utilizzo della plastica. La salvaguardia dell’ecosistema è un esigenza sempre più pressante. Per questo molte aziende hanno deciso di investire nella green economy. La Bio-On è stata una delle prime società in tal senso, già da 4 anni ha sviluppato dei materiali bioplastici in grado di sostituire molti oggetti di plastica di uso comune (come ad esempio i contenitori della verdura).

Marco Rivoira, Ceo e Presidente dell’omonimo gruppo ha affermato «Siamo felici di entrare nel mondo del packaging del futuro ed in particolare contribuire con la nostra esperienza e qualità produttiva quotidiana alla realizzazione di nuovi prodotti completamente diversi rispetto ai prodotti che possiamo trovare sul mercato oggi. ZEROPACK anticipa le strategie del Gruppo Rivoira da sempre alla ricerca di innovazioni. La missione è di fornire qualità totale di prodotto e packaging. Studiare materiali per rivoluzionare questo settore partendo dalla natura ed in modo naturale, consentirà ai colossi della distribuzione di avere un’alternativa sostenibile al 100%».

Avatar
Mi chiamo Benedetta Greco, nel 2013 mi sono laureata in giurisprudenza, presso l'università Federico secondo di Napoli, con tesi sulla definizione di terrorismo in diritto internazionale (di cui vado molto fiera). Ho collaborato come praticante avvocato abilitato per diversi Studi legali e nel 2016 dopo tre anni di gavetta ho superato con successo l'esame di abilitazione alla professione forense. Le mie esperienze professionali si estendono anche al piano della didattica: nel 2014 ho diretto dei moduli riguardanti la “Legislazione commerciale” e “ Legislazione fiscale” nell'ambito di un corso sui “Requisiti professionali per il commercio” nonché un modulo sui “Riferimenti normativi e legislativi in ambito socio sanitario” rientrante nel corso di studi per l’acquisizione dell’attestato di Operatore socio sanitario.